Sport / Vari

Commenta Stampa

Gaia Energy Napoli cade in casa del Pineto


Gaia Energy Napoli cade in casa del Pineto
07/05/2012, 11:05

LINES DRESS PINETO 3

GAIA ENERGY NAPOLI 1

(25-19; 22-25; 30-28; 25-15)

LINES DRESS PINETO: Testagrossa 1, Calonico 15, Draghici 11, Grasso 5, Catania, Lapacciana , Arzeo 17, Figliolia 24, Romagnoli (L) , Vanni ne, Bigazzi , Cittadino. All. Iurisci

GAIA ENERGY NAPOLI: Flaminio 6, Beccaro 3; Bajdak 10; Dal Molin 17; Minenna 8; Benaglia 9; Picillo; Mari 11, Zoccola ne, Silvestre (L), Aversano ne. All. Romano.

Arbitri: Talento e Di Biasi di Salerno

NOTE: Durata set: 24'; 26', 31', 22'. Durata complessiva: 1h 43'; Battute sbagliate: Pineto:14;Napoli: 14;. Battute punto: Pineto: 7; Napoli: 4. Spettatori 200 circa.


PINETO – Clima di fine stagione a Pineto dove la Gaia Energy Napoli non va oltre la conquista di un set nell'ultima gara della stagione. Impegno appena sufficiente e una girandola di errori da entrambi i lati hanno segnato l'incontro. Un pizzico di rammarico resta in quanto il team napoletano ha più volte sprecato la palla del sorpasso prima di spegnersi nel finale. Resta la soddisfazione di aver comunque concluso la stagione nella parte medio-alta della classifica alla prima apparizione in serie B1.

Inizio convincente della squadra napoletana che forzando molto sulla battuta accumula un discreto vantaggio (6-11). La reazione del Pineto non tarda ad arrivare, alle prime distrazioni napoletane lo svantaggio si assottiglia, arriva poi un break di ben cinque punti che cambia le sorti del parziale: 15-12.

Michele Romano utilizza nel migliore dei modi il secondo time-out tecnico per limare le posizioni in campo ma il Pineto insiste ed allunga ulteriormente il vantaggio (20-16). Napoli continua a sbagliare (5 punti persi solo in battuta) e la squadra di casa non può fare altro che concludere vittoriosamente la prima frazione di gioco.

Cambio nello starting-six del secondo set con Stefano Mari che prende il posto di Danilo Flaminio.

Le due squadre ormai si conoscono bene e la gara diventa equilibrata. Errori e belle giocate regalano sprazzi di divertimento ai presenti all'ultima gara dell'anno. Del resto entrambe le contendenti sono fuori da ogni gioco e si gioca solo per onorare l'ultimo sprazzo del campionato più anomalo che la serie B1 maschile ricordi. Tocca a Dal Molin (sicuramente non alla migliore partita della stagione) ricondurre il match sui binari della parità: 22-25.

Non cambia il motivo della partita anche nel terzo set. Cresce il numero degli errori da ambo i lati ma l'equilibrio è ancora sostanziale. Le fila del Pineto sono tenute sempre da Diego Figliolia. Il pallavolista di San Giorgio a Cremano, cresciuto nella Com Cavi, che da queste parti viene chiamato "Il Principe". Chiude la stagione con

Lunghissima la fase decisiva del parziale. Anche nel momento di mettere giù la palla decisiva le due formazioni sbagliano una serie ininterrotta di palle set. La Gaia Energy spreca quattro palle set e poi su una battuta del solito Figliolia riceve male Bajdak e Beccaro e Mari non riescono a raddrizzare il punto: 30-28 e il Pineto ritorna in vantaggio: 2-1.

Napoletani inguardabili in avvio di quarto set. Fra aces ed errori gli adriatici accumulano fino a cinque punti di vantaggio (11-6) costringendo il coach Romano a correre ai ripari. Dentro anche Picillo ma la tendenza non si inverte. Per il Pineto la strada è in discesa e tocca a Draghisci mettere a terra l'ultima palla di questo campionato. Finisce 3-1, il viaggio di ritorno verso Napoli può cominciare.

L'ultima parola è per coach Michele Romano: "Abbiamo giocato solo per tre set. In questa gara si è subito manifestata la problematica di non avere i ritmi di gioco. Abbiamo avuto difficoltà a stare in gara, nonostante il Piuneto fosse alla nostra portata. Non siamo riusciti a controbattere in attacco, il muro è stato un po' scadente e non siamo riusciti a coprire bene in difesa. Primo set sofferto in ricezione, meglio negli altri set dove abbiamo giocato meglio. Il terzo set, terminato siamo stati condannati dal 30-28 che ci ha fatto mettere il punto a questo cmapionato. Sono 30-28 dopo che noi abbiamo sprecato qualche palla match ci ha definitivamente condannati. Comunque contento da quello che abbiamo fatto quest'anno. Potevamo fare più punti all'andata ma come neofiti ci possiamo ritenere soddisfatti. La società farò tesoro di questa stagione e su queste basi possiamo lavorare per il futuro".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©