Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Garbo: "Il Villarreal teme il Napoli"


Garbo: 'Il Villarreal teme il Napoli'
18/02/2011, 15:02

A Radio Crc è intervenuto Daniele Garbo, giornalista di Mediaset Premium: “Il Napoli ieri era più preoccupato di non subire gol piuttosto che di segnarne. È stato riflessivo e ha dimostrato la sua maturità. Mazzarri era soddisfatto perché ha raggiunto il suo obiettivo che era quello di non subire gol. Giocare al Madrigal sarà difficile ma il Napoli ha la possibilità di vincere. La persona più indicata a giudicare quel fallo di mano era l’arbitro di porta che ha visto l’episodio da mezzo metro. Ho rivisto le immagini e credo che sia stato decisiva la non volontarietà delle braccia aperte. Dossena, nella sua intervista dopo la partita, ha detto che per lui andava bene che l’arbitro non avesse assegnato il rigore poiché non era chiara la situazione. Il dispositivo della sentenza di Tosel mi sembra discutibile. Le immagini non sono chiare e credo che in questa infelice decisione di primo grado abbiano influito le dichiarazioni di Rosi e di Mazzarri. Se l’allenatore azzurro fosse stato più furbo avrebbe dovuto evitare di spiegare quello che era successo, avrebbe dovuto temporeggiare o mantenersi sul vago. Invece sia Lavezzi che Rosi hanno confessato tutto. Secondo me se lo sputo non si vede, non si può condannare nessuno. La partita di domenica contro il Catania sarà difficile perché i calciatori non hanno il tempo per recuperare. Gli etnei saranno chiusi nella propria metà campo, sarà una partita delicata. I calciatori azzurri hanno detto di aver visto il Villareal in varie registrazioni ma ieri la squadra spagnola non ha giocato come al solito, si è chiusa e non lasciava spazi. Questo significa che il Villareal temeva il Napoli. È vero che il Napoli non riesce a segnare in Europa League ma non ha neanche incassato tanti gol. È difficile giocare con squadre straniere perché giocano un calcio diverso da quello italiano. Sono ottimista sulla partita del ritorno al Madrigal”.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©