Sport / Calcio

Commenta Stampa

Garrone:"Cassano è una prima donna ma credevamo in lui"


Garrone:'Cassano è una prima donna ma credevamo in lui'
29/12/2010, 12:12

"Cassano? L'ho sempre definito una primadonna e come tale doveva essere trattato”. Con queste parole il presidente della Sampdoria Riccardo Garrone saluta Antonio Cassano, appena passato al Milan. “Credevamo in lui a abbiamo spesso chiuso un occhio conoscendo l’importanza che Antonio aveva in campo e per la tifoseria”. Per Garrone però, Cassano ha superato il limite e il divorzio è stato inevitabile. ''Ci sono regole da rispettare, limiti che non possono essere valicati. Una squadra e' composta da 35 persone e va gestita sette giorni la settimana secondo equilibri molto labili. Se questi equilibri si rompono e rischiano di compromettere la serenita' di un gruppo non si puo' far finta di nulla. Il presidente della Samp ammentte di aver contribuito economicamente alla cessione di Fantantonio. “Ho deciso di contribuire a quei 5 milioni da versare al Real Madrid. Il calciomercato ha anche un valore sociale, deve educare ed insegnare, soprattutto ai bambini e ai giovani, e di fronte a quanto accaduto in quel pomeriggio del 26 ottobre serviva dare un segnale forte''.

Commenta Stampa
di Massimo La Porta
Riproduzione riservata ©