Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

AL SAN PAOLO NON CI SARA'

Gazzetta.it: "Di Natale dribbla Napoli"


Gazzetta.it: 'Di Natale dribbla Napoli'
26/10/2011, 11:10

"Io con Messi e Ronaldo, che bello". Ma anche stavolta Totò non giocherà contro la sua città…
L'orgoglio e il dolore. Totò Di Natale ha aggiunto un'altra perla al suo prestigioso cursus honorum nell'Udinese. E' stato inserito tra i 50 candidati del Pallone d'oro. Ma ieri il tecnico Francesco Guidolin non lo ha convocato per la importantissima sfida di Napoli. Totò aveva lamentato qualche fastidio la scorsa settimana, rischiando di non essere convocato per l'Atletico Madrid, poi era andato in panchina. Domenica, invece, è stato straordinario protagonista con due gol contro il Novara che hanno regalato il primato solitario all'Udinese e a lui il comando tra i cannonieri con 6 reti. Ha giocato tutta la partita e non è sembrato particolarmente affaticato. Le parole di Guidolin in conferenza stampa: "Totò deve essere valutato dai medici. Non si è allenato neppure lunedì. Dobbiamo decidere cosa fare". Nel primo pomeriggio il campione non era nell'elenco. E anche Isla, già in condizioni precarie, rimarrà in Friuli. Totò, come nella precedente sfida al San Paolo, decisiva per la Champions, marcò visita, infortunato.
PALLONE D’ORO - É stata una mattinata di gioia in casa Udinese. La notizia dell'inserimento tra i papabili per il prestigioso trofeo Fifa-France Football ha generato entusiasmo. Prima di tutto in Francesco Guidolin che aveva inserito Totò già 10 giorni fa: "Sono molto felice per lui, vince da due anni la classifica cannonieri. E' una cosa strepitosa, merita il riconoscimento". Poi si è espresso l'attaccante: "É un onore che mi riempie d'orgoglio. Essere accostato a campioni del calibro di Messi e Cristiano Ronaldo non capita tutti i giorni. Essere l'unico italiano? Fa ancora più piacere, è ovvio. Ma se la Fifa e France Football hanno pensato a me è anche grazie ai miei compagni e alla società senza la quale non avremmo e non avrei mai potuto tagliare i traguardi centrati in questi anni".
NAPOLI - Nel pomeriggio l'altra notizia che qualcuno immaginava da domenica. Totò, anche stavolta, non parte per Napoli squadra che aveva rifiutato qualche anno fa. Nello scorso torneo l'Udinese si impose con un grande Denis. In altre tre occasioni Totò ha giocato al San Paolo: il 2-2-2008 perdendo 3-1, il 31-1-2009 segnando il rigore del 2-1 alla fine fu 2-2 e il 19-9-2009 pareggiando 0-0. Che per Di Natale questa partita emozionalmente abbia un significato particolare lo rivelano anche le persone a lui più care. A Napoli ha parenti e amici che lo adorano e lo adulano. Le richieste di biglietti e maglie si moltiplicano. In altre occasioni in ritiro è stato assediato. Quando ieri a Guidolin è stato chiesto perché Totò sia rimasto in campo 90' col Novara il tecnico ha risposto che non aveva fatto alcuna considerazione. "Non volevo dare segnali alla squadra e avevo anche il problema dell'affaticamento di Ferronetti". I tifosi dell'Udinese avrebbero voluto che Totò almeno partisse per Napoli. Già con l'Atalanta, Guidolin aveva portato 23 giocatori per fare gruppo. Proprio per una sfida così delicata la sola presenza del capitano sarebbe servita. E invece Totò rimarrà a Udine a lavorare col professor Artico preparando un'altra sfida, quella di domenica col Palermo e per tentare di giocare giovedì a Madrid con l'Atletico. Per aumentare la considerazione in campo europeo. Ora è certo: tra i top player c'è anche lui.
FONTE: FRANCESCO VELLUZZI PER GAZZETTA.IT

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©