Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LA NOTA PIU' LIETA

GdS - Napoli, hai motivo di sorridere: Fernandez


GdS - Napoli, hai motivo di sorridere: Fernandez
03/11/2011, 12:11

E’ andata male per il risultato, ma sul piano caratteriale è stato un Napoli convincente che nonostante la sconfitta, trova un motivo per sorridere: Federico Fernandez che realizza due gol all’Allianz Arena nel giorno del suo esordio in Champions League. Una doppietta che, probabilmente, gli servirà per allontanare i dubbi e le perplessità sul suo acquisto. «Una grande emozione - dirà alla fine - alla mia primapartita in un torneo così importante non potevo sperare di meglio. Era tutto nuovo per me, e ho segnato una doppietta. Peccato solo il risultato. Possiamo guardare con ottimismo alla partita con la Juventus, forti di quello che abbiamo fatto nella ripresa. Per me comunquegiocare a tre o quattro in difesa è indifferente». La notte europea, però ha confermato, la scarsa forma di Cavani, colui che avrebbe dovuto garantire quel qualcosa in più per una sfida impari, probabilmente, sul piano tecnico e delle forze. Ed allora, tra le varie incertezze spunta il solito Lavezzi, il ribelle che non vuole cedere agli avversari
Uomo assist - Bastano dieci minuti al Bayern di Monaco per prendere le misure al Napoli. Poi, comincia il possesso di palla, una sorta di torello che vede nel bel mezzo tutto il Napoli. Maè nella fase iniziale, mentre l’avversario è in fase di studio, che l’argentino piazza un paio di colpi importanti. Il primo, è un’apertura per Maggio che converge verso il centroma la sua azione si esaurisce sul fondo. Badstuber lo segue in ogni parte del campo. Dalla sinistra, infatti, s’inventa un cross per Cavani la cui conclusione di testa non ha nessuna rilevanza.
Niente resa - Nemmeno i colpi assestati da Mario Gomez lo convincono alla resa. Pocho non ne vuole sapere di arrendersi. Assiste con rabbia al dominio tedesco, ma continua a sbracciarsi chiedendo ai compagni di uscire, di non lasciarsi chiudere dall’avversario. I valori in campo sono troppi diversi, ma non per questo lo convincono a mollare. Anzi, sul finire del primo tempo si guadagna una punizione che lui stesso batte trovando la testa del giovane Fernandez, tutto solo dinanzi a Neuer. Il gol del difensore argentino rianima il Napoli che va al riposo sotto di due reti: sarà il protagonista insieme al connazionale Lavezzi. Diventa ancora più intraprendente, il Pocho, nei secondi 45 minuti. A complicare le cose arriva l’espulsione di Zuniga che, nel giro di tre minuti si prende due gialli per altrettanti falli. Ristabilita la parita numerica col rosso a Badstuber, sarà ancora Lavezzi tra i più combattivi nel concitato finale. Un eroe ferito che chiude alla grande prima di lasciare la scena a Fernandez.
FONTE: GAZZETTA DELLO SPORT

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©