Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

DOPO IL "MAL DI PANCIA"

GdS: Cavani, Juventus e City pronte all'assalto


GdS: Cavani, Juventus e City pronte all'assalto
23/04/2012, 11:04

È qualcosa in più della solita indiscrezione. L’ipotesi, stavolta, è stata formulata dall’interessato, e riguarda il suo stesso futuro. Lui, è Edinson Cavani che nel dopo partita col Novara ha aperto ad un vero e proprio tormentone, destinato a rendere ancora più bollenti i giorni del mercato estivo. Ovviamente, s’è parlato di quello che potrebbe accadere se il Napoli non dovesse arrivare terzo e, quindi, non qualificarsi per la prossima Champions League. La risposta dell’attaccante uruguaiano è stata decisa: «Non lo so, questo dovrà deciderlo la società», ha detto tra lo stupore generale. Le sue parole vanno interpretate in due modi: senza Champions, o De Laurentiis gli darà un robusto aumento di stipendio oppure sarà lui stesso a mettersi sul mercato.
Pressing City - Cavani è tra imigliori attaccanti del mondo. Ed è normale che su di lui abbiano puntato l’interesse diversi club europei e nazionali. Sono due le società disposte a trattarne l’acquisto: il Manchester City e la Juventus. Si dovrebbe partire da una base di trattativa che si aggiri intorno ai 30-40 milioni di euro, una cifra che non spaventa per niente le eventuali contendenti già certe di partecipare alla prossima Champions League. La questione, dunque, è aperta. Cavani non ha nascosto il suo «mal di pancia» e, quindi, l’eventuale possibilità di lasciare Napoli. Qui, guadagna due milioni all’anno, mentre le pretendenti al suo cartellino sarebbero pronte ad offrirgli un contratto pluriennale per 4-5 milioni di euro a stagione.

Ed in questa direzione è orientato a muoversi anche Ezequiel Lavezzi. Lui, più di ogni altro, può decidere il proprio futuro: se dovesse presentarsi un club disposto a spendere i 31milioni stabiliti dalla clausola rescissoria, De Laurentiis nulla potrebbe fare per trattenerlo.

Insomma, senza il terzo posto c’è il rischio concreto che il Napoli debba mettere mano ad un nuovo progetto tecnico.
FONTE: GAZZETTA DELLO SPORT
PdM
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©