Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

RASSEGNA STAMPA

GdS: "Dopo Vila-Real, Lavezzi ancora protagonista"


GdS: 'Dopo Vila-Real, Lavezzi ancora protagonista'
12/12/2011, 09:12

E vai. Il gol di Blerim Dzemaili come una liberazione. E la corsa del Napoli continua, in attesa di Genoa e Roma. La rimonta è possibile, lo dicono tutti. In prima fila, il Pocho Lavezzi. Che vorrebbe regalarsi un Natale pieno di regali prima possibile accanto al suo piccolo Thomas. E, intanto, può raccontare un’altra serata interpretata col solito vigore e la verve di cui è capace.
Analisi - Dalla festa di Vila-Real a un’altra serata da protagonista. L’argentino spiega innanzitutto perché il Napoli è andato in sofferenza. È stata l’erba artificiale del Piola a mettere in difficoltà la squadra di Walter Mazzarri, lo dice Ezequiel: «Il campo veloce non ci ha aiutati, si è pagata un po’ di mancanza di lucidità dettata dalla stanchezza. Avevamo schiacciato il Novara, peccato perché se avessimo fatto gol prima probabilmente avremmo visto un’altra partita. Siamo riusciti a pareggiare e abbiamo avuto anche la possibilità di vincere. La partita era difficile, abbiamo fatto la nostra onesta gara a Novara».
Al lavoro - L’obiettivo degli azzurri è ora recuperare tutte le energie possibili per affrontare al San Paolo, col sostegno dei propri tifosi, Roma e Genoa: «Non abbiamo la Champions, abbiamouna settimana tipo per lavorare – precisa Mazzarri — Possiamo recuperare terreno. Abbiamo davanti tante possibilità sia in un senso che nell’altro. Se non ci si allena mai, si perdono meccanismi; ora abbiamo una settimana, bisogna rigenerarsi e andare contro corrente mentalmente, tornare umili per non fare una brutta fine». Poi il tecnico del Napoli spiega pure il motivo della sostituzione di Cavani, proprio l’uomo decisivo per il pareggio di Bergamo con l’Atalanta: «Edinson non trovava la profondità, ha fatto 100 partite ed era stanco; si muove tanto, ha perso un po’ di lucidità, l’ho visto poco brillante. Ho messo un giocatore come Mascara, più fresco e con il tiro da fuori area».
Fiducia - Niente paura, dunque. Il Napoli, come ha detto in primo luogo l’autore del gol del pari Dzemaili («La squadra lotta sempre fino alla fine, sono felice per il gol, un po’ deluso per il risultato»), ha le idee chiare sul prossimo futuro. Lo conferma pure Christian Maggio: «Non c’è neanche tempo di esultare, che dobbiamo pensare subito alla partita successiva. Ora la Champions tornerà a febbraio, e in questo periodo dobbiamo concentrarci solo sul campionato, e provare a portare a casa sempre il massimo. I successi in Champions ci danno la voglia di dimostrare il nostro valore».
FONTE: GAZZETTA DELLO SPORT

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©