Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

RASSEGNA STAMPA

GdS: Fernandez, un corazziere per il Napoli


GdS: Fernandez, un corazziere per il Napoli
16/07/2011, 10:07

Ha un fisico da corazziere, ma quando parla incrocia ancora lo sguardo di papà Carlos per chiedere l'approvazione. Federico Fernandez, detto il Flaco (come Javier Pastore) per via della sua struttura filiforme, si nota in mezzo al gruppo azzurro per la scarsa abbronzatura che evidenzia rispetto ai compagni.
Del resto, è appena arrivato dall'inverno argentino. A Napoli ha già preso casa in centro e quando tornerà dal ritiro lo raggiungerà in Italia la sua fidanzata. A dicembre, invece, arriverà la mamma. Intanto, a fargli compagnia è l'agente Rodolfo Gardon.
Modello da seguire -  Lui scende dall'albergo verso il campo d'allenamento e si dimostra disponibile con i tifosi, con cui scatta foto e ai quali firma autografi. Poi, mette le scarpette bullonate e prova a rubare il mestiere a Paolo Cannavaro: «Mi ispiro a lui— dice in spagnolo Fernandez —, è un modello da seguire e dal quale voglio apprendere molto. Il capitano mi ha già ospitato a casa sua, è un ragazzo eccezionale».
Fernandez sembra a suo agio da queste parti: «Qui è tutto molto simile all'Argentina, probabilmente a cambiare sarà il livello del gioco. Io, però, ho giocato la Libertadores e non ho paura: aspetto con curiosità di sfidare campioni come Eto’o e Pato».
Fiducia - Da oggi a Dimaro dovrà studiare il modulo di Mazzarri e convincere il tecnico a dargli fiducia. «In passato—racconta —, ho giocato già nella difesa a tre. Sono sei mesi che vedo il Napoli per capirne i movimenti e credo che saprò adattarmi. Se devo scegliere, comunque, preferisco la posizione centrale, ma posso agire pure come marcatore di destra». Se l'obiettivo della squadra è ripetersi ad alti livelli, il suo personale è quello di affermarsi nel calcio europeo per poter entrare in pianta stabile nella Seleccion: «Mi èdispiaciuto non prendere parte alla Coppa America,ma spero nel Mondiale 2014. So che Batista crede tanto in me».
FONTE: GAZZETTA DELLO SPORT

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©