Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

SERVE ROSA PIU' RICCA

GdS: "I tenori steccano nel momento della verità"


GdS: 'I tenori steccano nel momento della verità'
07/05/2012, 12:05

Deludono i tenori - E il Napoli? Che è una giornata iellata i partenopei lo capiscono subito. Agliardi schizza come una molla per deviare una conclusione a botta sicura di Hamsik e tre minuti dopo un siluro dalla distanza di Cannavaro centra in pieno la traversa. Invece al primo tiro in porta (17’) il Bologna va a segno. Discesa di Morleo, tocco di Acquafresca e sinistro implacabile di Diamanti. Dimenticato da Inler. La squadra di Mazzarri, però, non si disunisce. E il primo tempo si trasforma in un tiro a segno. Agliardi, portiere di riserva del Bologna, diventa l’eroe della partita ipnotizzando in un paio di occasioni Cavani ed evitando (con l’aiuto della traversa) un tentativo di autorete di Garics. La verità è che nel momento chiave del campionato i tenori di De Laurentis steccano in maniera clamorosa. El Matador farà fatica a cancellare dalla mente le occasioni da gol bruciate, Hamsik dopo l’occasione iniziainiziale naviga senza lampi sulla linea di centrocampo e Lavezzi, il terzo tenore, per quasi un’ora resta in panchina. Anche alcune scelte di Mazzarri non convincono. Il tecnico ripropone ancora una volta il modulo, il 3-5-2, che gli ha permesso di recuperare tante posizioni in classifica ma perché spostare per la prima volta Cannavaro a destra alterando gli equilibri di una difesa che non è mai stata un esempio di solidità? E perché non restituire una maglia da titolare a Lavezzi?
Napoli grigio - Il Bologna chiude la sfida al 19’ del secondo tempo quando Di Vaio si traveste da uomo assist liberando in area di rigore il nuovo entrato Rubin. Controllo perfetto e sinistro imparabile. Stavolta il «pugno » lascia il Napoli k.o. Mazzarri le prova tutte cambiando uomini e modulima la squadra sembra vuota di idee e di energie. La lunga rincorsa in classifica ha lasciato il segno nel momento decisivo. De Laurentiis dovrà trarre insegnamento da questa stagione piena di grandi emozioni (le notti di Champions) ma anche di improvvisi black-out. Il Napoli ha bisogno di una rosa più ricca e di qualche «tenore» anche a centrocampoe in difesa. Gli ultimi minuti sono tutti per Di Vaio, alla ricerca del gol dell’addio.Mala ciliegina sulla torta non arriva per il palo che ribatte un suo destro a colpo sicuro: poi l’ovazione finale dei tifosi rossoblù e le lacrime del bomber, che ha già la valigia pronta per trasferirsi nel calcio americano.
FONTE: GAZZETTA DELLO SPORT
PdM
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©