Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

IL DS VA IN SUDAMERICA

GdS: "Il Napoli ha un tesoretto, Bigon comprerà"!


GdS: 'Il Napoli ha un tesoretto, Bigon comprerà'!
24/11/2011, 11:11

C’èun tesoretto consistente che Aurelio De Laurentiis potrebbe mettere a disposizione per il prossimo mercato di gennaio. Denaro fresco, una quindicina di milioni, che in parte è già nelle casse sociali. Gli incassi relativi alle tre gare di Champions League, per esempio, che il Napoli ha giocato al San Paolo: in totale hanno prodotto un introito di poco superiore ai 7 milioni di euro (Villarreal 1.662.216 euro, Bayern Monaco 2.541.504 euro, Manchester City: 2.479.399 euro). Oppure, i corrispettivi economici che la Uefa riconosce alle squadre in base ai risultati: ogni vittoria vale 800 mila euro, il pareggio 400 mila. Dunque, con due successi ed altrettanti pareggi, il Napoli ha introitato altri 2,4 milioni di euro che aggiunti a quelli degli incassi portano il totale a 9,5 milioni. E se dovesse qualificarsi agli ottavi, avrà un assegno di 3 milioni. Insomma, compresi i diritti tv (dai 2 ai 4 milioni), il gruzzoletto di milioni non è niente male.
In Sudamerica - Per rendere piùcompetitivo l’organico, Riccardo Bigon partirà presto per il Sudamerica ed andrà ad osservare personalmente alcuni giovani. La linea del club è quella di scommettere su ragazzi di prospettiva con la consapevolezza, in ogni modo, che anche l’esperienza serve e che potrebbero esserci innesti anche di questo tipo. E’ un progetto di crescita, quello napoletano, che passa anche attraverso un virtuosismo economico che se da un lato premia le strategie del club, dall’altro rende più arduo il lavoro della direzione sportiva.
Esigenze di bilancio - Riccardo Bigon deve operare osservando con particolare attenzione i conti di bilancio. Ecco perché appare improbabile che a gennaio possano arrivare giocatori di talento. «Noi siamo persone coscienti, il calcio sembra la fiera degli sciocchi. Non abbiamo mai negato nulla al nostro allenatore, abbiamo un gruppo di professionisti. C’è un direttore sportivo, quello che dovrà esser fatto sarà senz’altro fatto. Parlando di mercato non facciamo altro che offendere il lavoro di un gruppo di professionisti, di Mazzarri, del direttore sportivo e dei ragazzi che ieri sono scesi in campo», ha detto il presidente Aurelio De Laurentiis a proposito del prossimo mercato di gennaio.
FONTE: GAZZETTA DELLO SPORT

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©