Sport / Calcio

Commenta Stampa

POSSIBILI OBIETTIVI

GdS: Il Napoli si fionda sui gioielli del Pescara


GdS: Il Napoli si fionda sui gioielli del Pescara
22/05/2012, 10:05

Anche il Napoli s’è fiondato su Verratti. Il presidente De Laurentis, proprietario di Insigne, ha chiesto al collega Sebastiani, il play della mediana di Zeman. Nel prossimo Cda del Pescara, la questione mercato occuperà uno spazio importante. La proposta del Napoli apre nuovi scenari: De Laurentiis è disposto a pagare la metà di Verratti 5 milioni, ponendosi in concorrenza con la Juventus. Lo lascerebbe un anno in prestito sull’Adriatico e stesso trattamento riserverebbe al suo Insigne che avrebbe, così, tempo e modo di vivere il debutto in A nella bambagia della provincia. Nell’operazione, il Napoli ha chiesto anche Capuano ed è pronto a prestare a Zeman quei giocatori di sua proprietà utili a completare i tasselli del club abruzzese. Il cileno Vargas è in pole position.
Idea - Da Pescara confermano, in toto. «Col Napoli abbiamo parlato, anche di varie altre soluzioni. Di fronte ad una maggiore offerta in denaro non potremmo che tenerne conto. Potete giurarci che, con De Laurentiis, qualche giocatore ce lo scambieremo» scommette Sebastiani. L’idea è intrigante, accontenterebbe tutti: Insigne, che preferirebbe rimanere un anno ancora dov’è. Verratti, che non ha nemmeno avuto il tempo di fare il primo salto di gioia, a Genova, dopo aver conquistato la A che è subito corso dal presidente a chiedergli un regalo: «La prego, mi faccia rimanere nella mia città, almeno un anno ancora». Zeman, così, non vedrebbe il suo ultimo capolavoro stravolto dalle «intemperie» delle trattative: ipotesi che non gli dispiacerebbe proprio. Ma le insidie non mancano: l’Inter, per esempio, s’è fatta avanti insieme al Genoa, per prendere il gioiellino in tandem. E ci riproverà.
La Juventus - Ma, per tutti, c’è da superare lo scoglio più duro: l’intesa che la Juventus ha già col manager di Verratti e la voglia del giocatore, anche se ieri ha un po’ frenato, di preferire il club bianconero in caso di cessione. La Juve è pronta a due mosse: offrire al Pescara la stessa cifra che il Napoli ha paventato e, in più, permettere a Zeman di avere ancora un torneo ai suoi ordini Immobile come punta centrale (il club di Torino ne è comproprietario col Genoa).
Verratti docet - Strategie, intese, trame e trattative, non tolgono certo il sorriso ai tre gioiellini del Pescara. Ieri, appena svegli dopo una notte di baldoria, si sono ritrovati nella sede della finanziaria del presidente Sebastiani. Verratti parla chiaro. «Già sogno la prima giornata della prossima A con la maglia del Pescara, vorrei il torneo iniziasse domani. La Juventus mi vorrebbe subito, vice Pirlo? Tanta stima da uno dei migliori club al mondo mi fa capire che ho fatto bene fino ad adesso, quanto all’eredità di Andrea sarei felice di vincere la metà. Devo migliorare molto: in fase difensiva, devo tirare più da fuori area e altre cose. Tra Napoli e Juventus? Vorrei rimanere a Pescara per crescere ancora, nelle grandi città sono esigenti e il debutto in A diventa difficile. Un esempio? lessi, tempo fa, di critiche a Inler che comunque ha fatto una grande stagione. Si chiede tutto e subito, a Pescara invece ho la fiducia della società e di Zeman». Insigne esprime stesso concetto, non è un «core ’ngrato». «Amo il Napoli da sempre, ma se devo tornare e avere la strada
sbarrata da due giocatori fortissimi, più esperti e forti, perderei la possibilità di giocarmi le mie carte e un debutto in A graduale, continuo. Sono cambiato mentalmente, fisicamente e professionalmente dal ragazzo che fece il ritiro a Folgaria nel 2010. E la prima esperienza lontano casa mi ha fatto crescere, oltre ai metodi di Zeman. Nessuno come lui ti insegna i segreti dell’attacco».
FONTE: GAZZETTA DELLO SPORT
PdM

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©