Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

GdS: Mazzarri-Di Francesco, amici-nemici


GdS: Mazzarri-Di Francesco, amici-nemici
03/12/2011, 12:12

Rivedendo Di Francesco, Walter Mazzarri non potrà fare a meno di ripensare alla Juventus. Il tecnico del Napoli e quello del Lecce, infatti, sono stati compagni di squadra nell’Empoli stagione 1987-88. Giocheranno, o meglio, si sfioreranno soltanto in una partita. È il 31 gennaio 1988, la Juventus è in vantaggio di 3 gol, al 17′ della ripresa l’allenatore dell’Empoli Salvemini sostituisce Mazzarri con Caccia.

Di Francesco Nemmeno il tempo di sistemare le marcature, ed ecco il 4°gol della Juve segnato da Magrin. A quel punto tocca a Di Francesco, mancano 20′ alla fine, per lui, 18 anni, è l’esordio in A. Sarà l’unica presenza in quella stagione (Mazzarri ne collezionerà 15), conclusasi con la retrocessione dell’Empoli. Poi le strade dei 2 si dividono: Mazzarri va a Licata, Di Francesco resta ad Empoli dove avrà l’amarezza della seconda retrocessione consecutiva.

Tradizione ok Se si eccettua la partita dello scorso anno a Lecce (2-1 alla terzultima giornata conDe Laurentiis furioso), Mazzarri ha una buona tradizione col Lecce. Nella gara d’andata vittoria al San Paolo con gol di Cavani, 3′ dopo il recupero. In passato 2 vittorie su 2, quando Mazzarri guidava la Samp, una vittoria e 3 pareggi quando il tecnico del Napoli stava sulla panchina della Reggina.

Per Di Francesco, invece, un’indimenticabile 6-2 sul Napoli quando giocava nella Roma. Era il 5 ottobre 1997 e Di Francesco segnò all’Olimpico il 4° gol per i giallorossi. Per il Napoli di Mutti il campionato si concluse con un’inevitabile retrocessione. Stavolta per Di Francesco c’è in palio la panchina del Lecce. Fonte: Gazzetta Dello Sport.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©