Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

CONDITIO SINE QUA NON

GdS: "Napoli, arriva terzo o... addio tenori"!


GdS: 'Napoli, arriva terzo o... addio tenori'!
16/03/2012, 13:03

Dimenticare Londra. Riparte da qui il progetto napoletano dopo l’eliminazione dalla Champions League. Non c’è tempo per ragionare sulla notte dello Stamford Bridge, perché il campionato incombe con una trasferta niente male: il Napoli giocherà a Udine il posticipo di domenica sera. Un vero e proprio scontro diretto per quel terzo posto che, dopo il tonfo europeo, riveste grande importanza per il collettivo di Walter Mazzarri. Il problema se lo sono posti già nel dopo partita contro il Chelsea non potendo più inseguire il sogno della grande impresa. Ed allora, per ritornare ad essere protagonista in Champions League, il Napoli ha la necessità di rientrare nelle prime tre della classifica. Untraguardo che fino a quaranta giorni fa era sembrato del tutto irraggiungibile e che soltanto una serie di 5 vittorie consecutive ha reso nuovamente alla portata.

Niente cali - Mazzarri ha chiesto subito una reazione ai suoi ragazzi. Ha imposto loro di lasciar perdere Londra, dopo averne esaminato i motivi della sconfitta, e di badare al prossimo futuro che non ammette distrazioni o frenate. Domenica c’è l’Udinese, certo, ma mercoledì il Napoli si giocherà la qualificazione alla finale di coppa Italia, nella gara di ritorno, contro il Siena, al San Paolo. Evento per il quale la società ha già venduto 50 mila biglietti. E questa traguardo non potrà assolutamente fallirlo, Mazzarri. Altrimenti verrebbe messo in discussione tutto il progetto tecnico. Nel dopo partita europeo, Aurelio De Laurentiis ha ribadito che sarà l’attuale allenatore a dare continuità al suo programma. Certezze che potrebbero sgretolarsi se il Napoli non dovesse conquistare la finale.
Talenti da trattenere - Terzo posto e Coppa Italia, dunque: sono questi gli obiettivi primari per l’allenatore napoletano ed il suo collettivo. Primari, certo, perché se la stagione dovesse concludersi senza un nulla di fatto o un semplice posticino in Europa League, allora ci saranno altre problematiche da gestire. Come il mercato, per esempio. In quel caso, sarebbe davvero complicato tentare di trattenere gente come Cavani, Lavezzi e Hamsik. Uno, o addirittura due dei tre, potrebbe chiedere di andare via, perché intorno a loro c’è un mercato che freme. Cavani interessa parecchio al Chelsea: Abramovich sarebbe pronto a presentare a De Laurentiis un’offerta da capogiro, si parla di 40-50 milioni di euro, mentre su Lavezzi vorrebbe puntare forte Massimo Moratti. La trattativa non ha bisogno di ulteriori passaggi: al presidente dell’Inter basterà versare i 31 milioni di euro previsti dalla clausola rescissoria per assicurarsi le prestazione dell’attaccante argentino. Insomma, l’unica garanzia vera per evitare il saccheggio dell’organico, resta la qualificazione alla prossima Champions League accontentandosi, magari, di arrivare terzi e di fare anche i preliminari.

FONTE: GAZZETTA DELLO SPORT

PdM

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©