Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

AZZURRI GRANDI CON LE BIG

GdS: "Napoli, meno male che arriva la Roma"


GdS: 'Napoli, meno male che arriva la Roma'
15/12/2011, 10:12

Il momento è quello giusto per riprendere il cammino in campionato. Ci sarà la Roma, domenica sera, al San Paolo. E le statistiche di questa prima parte della stagione, raccontano della metamorfosi del Napoli, delle notevoli prestazioni che ha saputo garantire contro le grandi squadre, mentre ne sottolinea i risultati negativi contro le piccole. Questione psicologica, in ogni modo, perché Walter Mazzarri si affida sempre agli stessi giocatori, ai titolarissimi, fatta eccezione della sola gara contro il Chievo, quando volle attuare un turnover spropositato che gli costò la prima sconfitta della stagione. Sul piano tattico e della qualità, dunque, il Napoli dovrebbe garantire il rendimento abituale, quello che gli ha permesso di arrivare al terzo posto ed in Champions League, al termine della scorso campionato.
Punti pesanti - Ne ha bisogno, Mazzarri. Dovrebbero servirgli per rimettere in piedi la classifica che ne sta penalizzando, in parte, il progetto. Perché la qualificazione agli ottavi di finale di Champions League è sicuramente un risultato di grande prestigio. E, dunque, il calo in campionato non è stato nemmeno tanto una novità per l’allenatore che l’ha sempre paventato. C’è la necessità, tuttavia, di scalare un paio di posizioni rispetto all’attuale quinto posto, da qui al termine del girone d’andata. E la Roma rappresenta un avversario di prima fascia, appartiene a quella categoria di squadre che richiedono un impegno assoluto. Le motivazioni, poi, vengono determinate dallo stesso valore dell’avversario, a differenza di quanto è accaduto, finora, contro formazioni medio-piccole.
Questione tattica - E’ l’aspetto che meglio serve per chiarire il perché di questa metamorfosi. Non è un caso, per esempio, se il Napoli si trova a disagio contro squadre di valore relativo, che tendono a difendersi e che lasciano pochi spazi sugli esterni, per le volate di Maggio e Dossena, o per gli inserimenti centrali di Hamsik e Inler. Basti rivedere le difficoltà avute contro Chievo, Parma, Atalanta e, ultimamente, Novara per farsene un’idea: la squadra non ha saputo aggirare il muro difensivo eretto dall’avversario subendone, poi, le ripartenze. Disagi, invece, che il Napoli non avverte quando si tratta di affrontare le grandi. In questa prima parte del campionato, Mazzarri ha prevalso su Inter, Milan, Udinese ed ha pareggiato con la Juventus. Domenica, arriverà la Roma, una formazione in cerca di rilancio. Il pareggio ottenuto contro la capolista, lunedì sera, ha restituito a Luis Enrique un po’ di ottimismo. Maal San Paolo è dura per tutti. Lavezzi, Cavani ed Hamsik non hanno mai risparmiato nulla ai giallorossi: nelle ultime 3 stagioni l’hanno castigata spesso.
FONTE: GAZZETTA DELLO SPORT

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©