Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

"ROBA DA CHAMPIONS"

GdS: "Napoli, notte difficile persino da sognare"


GdS: 'Napoli, notte difficile persino da sognare'
23/11/2011, 10:11

Roba da Champions. Una notte che era difficile persino da sognare. Il Napoli batte il City e si avvicina agli ottavi, un traguardo mai raggiunto. Neppure all'epoca di Maradona. Già, il Pibe. Le due Curve srotolano striscioni per lui. Napoli non l'ha dimenticato, gli porge le sue condoglianze mentre lo stadio sembra tornato quello dei suoi tempi con quel coro che adesso è, meritatamente, del Pocho. «Sono andato indietro anche io negli anni — dice Ciro Ferrara c.t. dell'Under 21 presente in tribuna autorità —. Il Napoli ha giocato una partita eccezionale, non dimentichiamoci che era in quarta fascia ed invece adesso potrebbe addirittura qualificarsi in quello che è uno dei più difficili della Champions. Cavani è stato superlativo, ma tutta la squadra si è espressa al massimo delle sue potenzialità. Che emozione».
Evento - Napoli-Manchester City è stata un evento, un grande evento. Scenografie e folclore. Un mega corno dorato fuori al San Paolo nel tentativo di scacciare la malasorte dal San Paolo dopo la sfida con la Lazio, alla fine ha sortito l'effetto sperato. Al triplice fischio dell'arbitro è esploso lo stadio, ma sono esplosi anche numerosi fuochi d'artificio in diversi quartieri della città. Si è vinto, dentro e fuori dal campo. Nessun problema di ordine pubblico. Gli unici incidenti si sono registrati a Sorrento, con un tifoso inglese, probabilmente ubriaco, ferito martedì notte in una rissa. Dentro e fuori lo stadio, invece, tutto è filato liscio come auspicato alla vigilia dal sindaco De Magistris, che a fine gara cantava e ballava sulle note di «O' surdato nnammurato».
Notte di festa - La festa è scoccata alle 22.36 ed è durata tutta la notte. Caroselli di auto in centro come in periferia, mentre via etere festeggiavano anche i tifosi di Shangai, che per la prima volta hanno visto la partita su Cctv 5, canale sportivo della televisione di stato cinese. La Champions è un'affare, per tutti. Anche per i bagarini, che hanno venduto i biglietti in loro possesso fino a pochi minuti dall'inizio a cifre astronomiche (29 tagliandi sono stati sequestrati in mattinata ad un uomo, già sottoposto a Daspo, che era pronto a smerciarli). Anche il deflusso post partita è andato meglio del previsto. Merito delle corse aggiuntive della linea 2 della Metropolitana che sono state autorizzate dalla Regione, per motivi di sicurezza. Nessuno, però, aveva fretta di tornare a casa.
FONTE: GAZZETTA DELLO SPORT

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©