Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Gennaro Aversano, quando l'aerografia è un'arte


Gennaro Aversano, quando l'aerografia è un'arte
14/11/2011, 15:11

Una delle arti dell’universo motociclistico che più mi affascina è quella dell’aerografia. Di fronte a certe personalizzazioni di parti di moto o di caschi, non nascondo d’essere rimasto incantato dalla loro carica artistica. Alcune realizzazioni erano così belle che mi sembrava un peccato vederle muoversi sulle strade di tutti i giorni, perché a mio avviso meritavano le vetrine dei migliori musei d’arte moderna. Nella mia città, Napoli, c’è un artista molto apprezzato tra coloro che amano customizzare con un aerografia la propria Harley-Davidson. Parlo di Gennaro Aversano, che a soli trentadue anni vanta una produzione artistica “itinerante” di tutto rispetto: “Già – racconta – negli anni del liceo artistico, mi piaceva realizzare dei quadri che avevano come oggetto principale le moto. Grazie all’incontro con il professor Luciano Mollo, ho avuto modo di scoprire quello che è un arnese fantastico, l’aeropenna. E’ uno strumento professionale che permette di spruzzare il colore, solitamente vernice, nebulizzandolo con dell’aria compressa. Le possibilità d’utilizzo sono molteplici, dalle parti di carrozzerie alle tele, dalle parti d’auto al body art. E’ una specie di bacchetta magica, della quale ancora oggi si continua a scoprire nuovi usi”. Aversano è un bikers doc, che vede nella Harley-Davidson non un semplice marchio di moto, ma un vero e proprio culto da venerare ogni giorno: “Ho – spiega – una Street Glide con la quale giro il mondo con la mia compagna Sonia. Ho solo avuto e guidato moto di Milwaukee, e le mie opere hanno ad oggetto solo le bicilindriche americane. Per le aerografie utilizzo una vernice atossica a base d’acqua, e tengo a sottolineare che non c’è pericolo di vedere con il passare del tempo sbiadire i colori. In pratica le aerografie durano gli stessi anni che dura una moto”. Il Natale si avvicina, e Aversano ha in programma una mostra di beneficenza: “Da – dice – circa un anno mi diverto ad aerografare su tela. In occasione delle festività natalizie ho in mente di organizzare una mostra delle mie opere presso la sede del Vesuvio Chapter al Viale Umberto Maddalena n° 380 di Napoli. Alcune di queste saranno messe all’asta, ed il ricavato così raccolto sarà devoluto in beneficenza”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©