Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LA RIVINCITA

Gianluca Pegolo, il gioiello del Siena


Gianluca Pegolo, il gioiello del Siena
06/02/2012, 18:02

Conte lo aveva tenuto fuori rosa quando allenava il Siena: ora Gianluca Pegolo vive la sua rivincita, prima portiere di riserva, poi titolare per l'infortunio di Brkic, fino a diventare eroe, unico portiere a non aver subito gol allo Juventus Stadium. E il Siena ringrazia soprattutto il suo portiere se ieri e' riusciuta nell'impresa di guadagnare un punto contro la squadra dell' ex Conte. Dall'inizio del 2012, da quando ha preso il posto dell' infortunato Brkic, il portiere di Bassano del Grappa e' divenuto uno dei punti di forza della squadra di Sannino. Eroico contro il Napoli, quando ha intercettato il penalty di Cavani, il solo a salvarsi nel giorno della disfatta di Firenze, insuperabile ieri al cospetto di Marchisio e compagni. Una rivincita clamorosa, proprio contro Antonio Conte, l'uomo che lo tenne lontano dalle luci della ribalta. Non rientrava nei piani societari, Pegolo, cosi' la societa' bianconera d'accordo con il tecnico decise di affidarsi a Coppola per affrontare il campionato cadetto. Un anno intero trascorso ai margini, con la zavorra di un contratto pesante per la B che ne rendeva praticamente impossibile il trasferimento ad un'altra squadra. ''Vivo un momento di grande soddisfazione personale - dice il portiere bianconero - ma non ho desiderio di rivalsa. L'anno scorso ho sofferto molto, non e' stato facile restare fuori tutta la stagione ma ho sempre lavorato a testa bassa senza lamentarmi. Ho pensato solo a farmi trovare pronto in caso di chiamata e adesso ho la fortuna di poter raccogliere i frutti di questo atteggiamento''. Nell'estate del 2011 in prestito dall'Udinese arriva Brkic, mentre Pegolo viene rispolverato come portiere di riserva. Contro l'Atalanta ha la possibilita' di giocare per un problema muscolare del titolare serbo, le mani pero' sono arrugginite dall'inattivita', causando un rigore e un intervento poco efficace sul secondo gol di Denis. Va meglio in coppa Italia dove Sannino gli concede spazio contro Cagliari e Palermo: proprio al Barbera e' fondamentale nella kermesse dei rigori, quando ipnotizza Bollino e Cetto. Il Siena passa il turno e pone le premesse per il piazzamento storico in semifinale che maturera' nel turno successivo contro il Chievo. A fine dicembre l'operazione alla parete addominale subita da Brkic gli spalanca nuovamente la strada per il ruolo di titolare. Pegolo ne approfitta per diventare l'idolo dei tifosi bianconeri, prima neutralizzando proprio sotto la Curva Robur il penalty di Cavani, poi annullando ogni velleita' della Juventus. In casa della capolista ci si e' lamentati molto del penalty non dato per il mani di Vergassola, ma con il pararigori Pegolo non e' cosi' scontato l'esito di un tiro dagli 11 metri. Adesso il portiere che indossa la casacca numero 25 si candida a custodire ancora i pali della porta bianconera, anche quando rientrera' a tempo pieno Brkic.

FONTE: ANSA

Commenta Stampa
di Luigi Russo Spena
Riproduzione riservata ©