Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Gioia del podio con Tarquini che arriva secondo


Gioia del podio con Tarquini che arriva secondo
11/04/2013, 12:22

Gli alti e bassi del motorsport sono stati vissuti dal team Castrol Honda World Touring Car a Marrakech, quando Gabriele Tarquini ha coronato le ambizioni di tutta la squadra ottenendo un combattuto secondo posto nella seconda gara del campionato WTCC.

Tarquini ha iniziato la gara 1 dalla pole position che si è assicurato grazie ad un giro più veloce nelle qualifiche di sabato. Questo ha permesso all'esperto pilota italiano di ottenere il più alto punteggio nella pole position in 9 anni di storia del World Touring Car Championship, portando il suo bottino a 16 pole position.

Dopo essere stato premiato nel primo weekend di gara a Monza con il trofeo per il terzo posto e aver ottenuto la prima pole position di Civic nel campionato qui in Marocco, l'esperto italiano ha condotto la prima metà di gara 1 questo fine settimana ed ha finito la battaglia del 13° giro al secondo posto molto vicino al danese Michel Nykjaer.

"Ho spinto più forte che potevo, ma dalla parte anteriore è sempre difficile. C’era uno spazio molto piccolo lui mi ha superato ma gli ero comunque vicino alla fine", ha detto un felice Gabriele tra gli applausi della squadra.

Tuttavia le emozioni hanno preso una piega diversa a metà strada della seconda gara del week-end, quando il numero 3 di Civic ha urtato contro il muro e la sua gara è finita. Dopo aver iniziato la gara 2 dalla quinta fila, in quanto le griglie sono invertite per i primi 10 qualificati, Tarquini aveva superato quattro vetture e sei posizioni prima dell'incidente.

"E’ difficile essere davvero competitivi a questo livello," ha detto il Direttore del Team, Alessandro Mariani, "ma la pole position e il secondo posto dimostrano il grande potenziale che abbiamo. La stagione prevede un calendario molto fitto con tante gare e dobbiamo cercare di tenere il passo con i nostri piani di sviluppo in quelle gare. Sono triste per Gabriele, perchè era sesto anche in Gara 2 quando è uscito e così avremmo raccolto più punti".

Dopo le drammatiche condizioni climatiche all'inizio del weekend di gara che hanno limitato i test e modificato il programma di qualificazione, il giorno della gara rifletteva il tipico Marocco: cielo blu e il sole splendeva sui circa 70.000 spettatori entusiasti presenti, certamente il più grande evento motoristico del paese. La temperatura della pista ha superato 20° C, un altro fattore che doveva essere preso in considerazione dagli ingegneri di pista Castrol Honda.

Il giorno della gara è cominciato in anticipo per le squadre con 15 minuti di warm-up. Questa doveva essere una prova utile per la Honda Civic di Tiago Monteiro dopo il suo impatto conil muro nelle qualifiche di sabato. I meccanici di Honda Racing Team JAS hanno lavorato fino a tarda notte per adattare un nuovo gruppo sospensione anteriore ed un nuovo assemblaggio degli assi posteriori. La vettura sembrava perfetta quando è iniziata la sessione e Tiago ha provato la vettura nei pochi minuti a disposizione. Ha iniziato la Gara 1 dalla settima fila. Dopo aver dimezzato la distanza di quattro posizioni, purtroppo, una collisione contro gli elevati muri lungo il circuito ha provocato danni sostanziali alla Civic di Tiago costringendolo al ritiro.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©