Sport / Calcio

Commenta Stampa

Un talento nostrano in rosanero

Giovani talenti ai raggi X: Andrea Belotti


Giovani talenti ai raggi X: Andrea Belotti
28/12/2013, 10:24

PALERMO - Abbiamo parlato di svariati giovani passando per la Francia, la Svezia, il Brasile ed altri paesi, ma è anche giusto soffermarsi nel nostro paese. Nonostante il nostro calcio negli ultimi anni non abbia partorito talenti giovani degni di nota, possiamo e dobbiamo parlare di Andrea Bellotti. Il giovane talento è bergamasco di nascita. Esploso giovanissimo con la casacca dell'Albinoleffe. L'anno scorso ha messo in campo tutte le sue qualità provando a trascinare i compagni. Se la squadra ha centrato la salvezza il merito è soprattutto suo. Sigla la prima rete al debutto in Serie B ancor prima di aver compiuto i diciotto anni nella stagione 2011/12, per poi trascinare i compagni anche in Lega Pro. Nell'ultima annata infatti ben trentuno le partite disputate, dodici le reti messe a segno.
Il 2 settembre di quest'anno Belotti viene acquistato dal Palermo, appena retrocesso in B. L'attaccante sbarca in Sicilia con la formula del prestito e diritto di riscatto della metà già fissato. Con Gattuso l'inizio è difficile per lui e per la squadra tutta, la musica però sembra decisamente cambiare con Iachini. Il nuovo tecnico lo getta nella mischia il 5 ottobre nella ripresa del match contro il Brescia, il ragazzo lo ripaga con una rete pesantissima, la prima in rosanero, che regala il pareggio agli ospiti e una gioia doppia al bomberino bergamasco.
Il talento di Belotti non poteva passare inosservato agli occhi dei selezionatori azzurri. Sei le presenze con l'Under 19 e due goal. Ancora meglio l'Under 20. Nove le partite giocate e quattro le reti messe a segno. Il 14 agosto di quest'anno poi esordisce con la nuova Under 21 di Di Biagio. La prima presenza ufficiale arriva il 5 settembre con una sconfitta pesante, 1-3 in casa contro il Belgio.
Belotti si ispira a Shevchenko, idolo della sua adolescenza, e sogna di indossare un giorno la maglia del Milan.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©