Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Giovanni Borrelli buona la prima all'Xr Trophy


Giovanni Borrelli buona la prima all'Xr Trophy
20/04/2009, 15:04

Il primo round del Xr Trophy-Harley Davidson è stato a dir poco entusiasmante, ricco di colpi di scena che hanno reso interessante ed avvincente lo spettacolo offerto dai piloti in pista. Il napoletano Giovanni Borrelli, del team Bee Good, nella classe Challenge ha colto nelle due gare in programma un undicesimo ed un dodicesimo piazzamento, e torna alle falde del Vesuvio con il sorriso sulle labbra: “Sono soddisfatto – dice Borrelli – è stata la prima volta che mettevo ruota sul circuito di Varano de’ Melegari, ed i tempi che ho fatto registrare in gara sono stati in linea con quelli dei vincitori. La pioggia mi ha rallentato nelle qualifiche del sabato, ed un cambio di gomme effettuato in ritardo non mi ha permesso di lottare per conquistare le posizioni più alte in griglia di partenza. Sono dovuto così partire dalla penultima fila. Nella prima manche in soli due giri sono riuscito a bruciare otto piloti. La mia guida è stata molto aggressiva, perché dentro di me bruciava il fuoco della rabbia del giorno prima, e l’1’20’’ di passo mi ha consentito di concludere undicesimo. Nella seconda manche il mio ritmo è calato un pochino, perché le gomme si sono usurate precocemente; non ho voluto rischiare ed ho concluso così dodicesimo. Sono contento perché ho vinto la scommessa fatta con Beppe Anastasio, il team manager dell’Harley team di Torino”. Il monomarca a stelle e strisce ritorna il 16 ed il 17 maggio sull’autodromo di Franciacorta di Brescia, e Borrelli ha tanta voglia di migliorarsi: “Non conosco la pista – ammette – ma questo non mi scoraggia. L’obiettivo sarà migliorarmi, e spero che in quel fine settimana la sfortuna stia lontana dal box del mio team. Al di là dei piazzamenti, per me importante sarà esserci, perché ogni evento che riguarda moto Harley Davidson sono una grande festa, alla quale non voglio mancare”

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©