Sport / Vari

Commenta Stampa

Continua la corsa di propaganda politica per la Lega

Giro di Padania: seconda giornata di contestazioni


Giro di Padania: seconda giornata di contestazioni
07/09/2011, 16:09

SAVONA - Seconda tappa del Giro di Padania, la gara ciclistica organizzata dal senatore della Lega Nord Michelino Davico, con l'appoggio dell'Fci (Federazione ciclistica italiana) e del Coni. E seconda giornata di contestazioni organizzate da Rifondazione Comunista, questa volta a Torretta di Savona. Alcuni attivisti si sono mesi in mezzo alla strada per bloccare la corsa, riuscendovi nonostante l'azione delle forze dell'ordine. Quando sono arrivati i ciclisti, Sacha Modolo e Ivan Basso - uno dei più attenti alla partecipazione di questa corsa - si sono messi a parlare con i manifestanti per chiedere di liberare la strada, ma - secondo quanto hanno raccontato - sono stati insultati e presi a schiaffi, per la loro iniziativa.
A guidare le proteste, Paolo Ferrero, segretario di Rifondazione Comunista, il quale chiede che "la Federciclismo annulli il Giro di Padania, evitando che i problemi aumentino. Le proteste continueranno e a questo punto è evidente che non si tratta di un bluff. La Lega non può pensare di strumentalizzare in questo modo il mondo dello sport. La Federciclismo prenda atto di aver fatto un errore e annulli il giro della Padania, evitando che i problemi aumentino"

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©