Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Il giornalista Michele Sibilla a Settimana Azzurra

"Giuseppe Rossi per il Napoli del futuro"


.

'Giuseppe Rossi per il Napoli del futuro'
21/01/2010, 18:01

NAPOLI - “Rispettare tutti, ma non temere nessuno” è questo il motto del Napoli e di Michele Sibilla, giornalista di Radio Punto Zero intervenuto nel corso di Settimana Azzurra (in onda questa sera ore 21.25 sul canale Julie Italia).
“Se si vuole fare il salto di qualità bisogna saper affrontare queste squadre, anche se con l’assenza di Lavezzi e Quagliarella qualcosa manca a questo Napoli – prosegue il collega – Serse Cosmi è un tecnico focoso come Mazzarri, bisogna far attenzione a questo e ad alcune individualità del Livorno, ma non temere l’avversario. Sarà carino scoprire come verrà accolto Mazzarri nella sua città, questa sarà una gara particolare per lui e non solo”.
Domenica gli azzurri non avranno a disposizione i due pupilli d’attacco Lavezzi e Quagliarella e sono scattate tante idee di mercato: “I nomi sono cinque - evidenzia Sibilla - quattro per l’immediato e uno per il futuro. Quello di giugno è importante e si chiama Rossi. Già solo il fatto che il suo procuratore lo abbia accostato al Napoli fa capire quanto il progetto azzurro sia importante e quanto si voglia crescere per questo secondo quinquennio. A brave termine, invece, i più probabili sono Foggia, Mascara, Mchedlidze e Sanchez. Se dovessi scegliere per una questione tecnica direi Sanchez. E’ giovane, conosce il nostro campionato ed è il più simile a Lavezzi. Per curiosità, invece, punterei su Mchedlidze perché vorrei vederlo indossare la maglia azzurra e giocare con i partenopei, con il cuore dico Foggia. Lui verrebbe a Napoli anche a piedi, inoltre non ci sono più gli impedimenti di un tempo che non lo hanno fatto arrivare a Napoli. Era ad un centimetro dal vestire la maglia azzurra, poi la trattativa con Marino non andò a buon fine e lui ci rimase molto male. In ogni caso, qualsiasi giocatore dovesse arrivar dovrebbe sapere che sarà il 12esimo. Il titolare è Lavezzi”.
Domenica si affrontano due squadre che vivono un momento completamente diverso: da un lato il Napoli quarto che si gode l’entusiasmo e crede in un roseo futuro, dall’altro il Livorno in difficoltà e a quattro punti dalla retrocessione. Due società che vogliono crescere, anche se i toscani hanno appena perso Candreva che è volato a Torino sponda Juventus. La sua assenza si sentirà.
Domenica gli azzurri dovranno mettere un altro tassello nel puzzle chiamato Europa.

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©