Sport / Basket

Commenta Stampa

GMA – Del Bo Pozzuoli, domani al Palaerrico contro il CUS Cagliari


GMA – Del Bo Pozzuoli, domani al Palaerrico contro il CUS Cagliari
12/11/2011, 10:11

La quinta giornata di andata vede la GMA – Del Bo Pozzuoli affrontare la coriacea compagine del CUS Cagliari condotta in panchina da coach Xaxa. Per l’occasione, domani alle ore 18, si riapriranno le porte del PalaErrico di via Solfatara che ha raggiunto la capienza di 500 posti grazie all’istallazione di nuove tribune.

Il Cus Cagliari è reduce dalla sconfitta subita tra le mura amiche per mano della Lavezzini Parma e cercherà con tutti i mezzi di conseguire la seconda vittoria in campionato dopo aver sempre espresso un ottimo gioco per tutto il corso della stagione. Xaxa può contare sul costante apporto offensivo dell’americana Plumley e su un’interessante pacchetto di atlete italiane costituito da Brunetti, Arioli e Wabara. Molto forti a rimbalzo, le isolane fanno della grinta e della velocità la loro armi migliori. Ci vorrà una GMA – Del Bo concentrata ed attenta per ottenere due punti importanti per la classifica.

“Veniamo da una settimana di lavoro molto intensa – afferma coach Fulvio Palumbo – come sempre sarà importante evitare giri a vuoto ed essere concentrati in ogni momento della partita. Bisogna scongiurare i cali di tensione che hanno caratterizzato i match precedenti. Il grande impegno che le ragazze profondono in allenamento deve essere capitalizzato durante le partite di campionato”.

Il tecnico flegreo che con attenzione e precisione certosina coordina il lavoro settimanale della GMA – Del Bo, coadiuvato dall’assistente Stefano Scotto di Luzio, intravede nel suo team del potenziale inespresso : “Abbiamo ancora margini di miglioramento – prosegue l’esperto tecnico – possiamo crescere e raggiungere uno standard di gioco sicuramente migliore. Mi aspetto qualcosa in più da tutte le mie giocatrici. Non dobbiamo fissarci un obiettivo per fine stagione ma pensare a lavorare sodo, solo così i risultati potranno arrivare”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©