Sport / Basket

Commenta Stampa

GMA Pozzuoli, Gatti: con Venezia sarà dura


GMA Pozzuoli, Gatti: con Venezia sarà dura
19/02/2011, 10:02

I play out sono, purtroppo, certi, ma la regular season è lontana dalla conclusione: diversi verdetti li deve ancora emettere, ma soprattutto dà l’opportunità alla Gma Pozzuoli di lavorare e crescere in vista dei fondamentali spareggi salvezza. Con Lucca qualche segnale di miglioramento c’è stato, un esame più duro sarà domani (palla a due ore 18), la partita interna con l’Umana Venezia reduce dal rilevante +1 con Taranto (recuperando 10 punti in un amen). “Lo stage con l’Italia e la partecipazione all’All Stars Game mi hanno dato una carica d’entusiasmo non da poco che ho cercato di trasmettere anche alle mie compagne di squadra – dice il play Giulia Gatti – La classifica ci ha già condannato ai play out, ma dobbiamo andare avanti pensando ad arrivarci al meglio. Domani affrontiamo le lagunari che sono una grande formazione che lotta per il vertice della classifica ed ha tutte le possibilità per far bene. Le orogranata sono competitive in ogni ruolo, difficile individuare un solo un punto di forza. Sarà una gara dura, ma noi vorremmo provare a farla nostra. Vincere al PalaErrico non è mai facile per nessuna”. Nel passato anche le venete ci hanno lasciato una volta la posta in palio. Era il 26 ottobre 2008 e le campane s’imposero 74–70. Fu un match entusiasmante, caratterizzato da continui tiri e molla per 24’ (37–34). Poi le padrone di casa volarono sul +10 (49–39) sul finire del terzo periodo. Un margine sfumato al 38° (68–66) per lasciare il posto ad un finale al cardiopalma. Ad 1” dalla sirena Benko decise dalla lunetta il confronto. Erano altri tempi, ma è sempre piacevole ricordarli così come menzionare il debutto in nazionale maggiore del play lombardo in occasione dell’All Stars Game di Parma. “E’ stato tutto molto bello, mi sono divertita tanto – racconta – Già conoscevo l’ambiente azzurro avendo militato in tutte le rappresentative giovanili e diverse compagne e questo ha reso più bello lo stage che è servito a coach Ticchi per osservare da vicino noi giovani. Sono contenta d’essere stata scelta per questo raduno ed il mio sogno, come quello di tutte le altre, è di restare nel giro. Vedremo se accadrà nell’immediato o in un futuro più lontano, in fondo ho solo 21 anni. Di sicuro so che devo imparare tanto, me ne sono accorta in questi giorni emiliani, ma anche negli allenamenti quotidiani con il club”.

ANDATA. Al PalaTaliercio di Mestre finì 68–51 per le lagunari che, dopo un quarto inaugurale equilibrato (14 pari al 10°), misero la freccia in quello successivo (38–32 al 20°). Dopo il +10 del 30°, in avvio d’ultima frazione toccarono il +15 (60 – 45 al 33°).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©