Sport / Basket

Commenta Stampa

GMA Pozzuoli, Palumbo: "in alcuni frangenti le cestiste si nascondono"


GMA Pozzuoli, Palumbo: 'in alcuni frangenti le cestiste si nascondono'
07/04/2011, 09:04

Un sentimento misto di amarezza, delusione, rabbia attanaglia coach Fulvio Palumbo mentre ripensa alla seconda sconfitta con Parma (59–61) che condanna la sua Gma Pozzuoli al 2° turno dei play out. Un –2 concretizzatosi nell’ultimo possesso ottimamente sfruttato dalle contendenti che colpiscono con Machanguana a soli 6” dalla sirena, ma che per il tecnico non è tutto lì. “Il risultato negativo non è scaturito in quel frangente, ma – spiega – da una squadra che forse aveva più determinazione di noi che stiamo pagando tutte le situazioni d’un anno bistrattato. In una partita importante come questa non puoi avere una cestista (Walker, ndr) che in un minuto si fa sanzionare due falli ed un altro tecnico rovinando la tua gara. E’ accaduto mercoledì sera al PalaErrico, ma anche la domenica precedente al PalaCiti. Deve imparare che deve stare in silenzio con gli arbitri. Perderla è significato tanto per il lavoro nell’area pitturata. In generale sono match in cui chi ci crede di più vince e, quindi, forse dobbiamo preoccuparci perché noi sembriamo credere poco in quello che facciamo”. Un brutto campanello d’allarme per un team che nella prossima serie di spareggi si giocherà le ultime possibilità di permanenza in A1. Da definire l’avversaria ed anche l’ordine (interno/esterno) dei confronti. La certezza è la settimana di tempo per lavorare ripartendo dalle note dolenti della sfida con le emiliane. Dopo un quarto inaugurale estremamente equilibrato (14 pari al 10°), dal 18–16 dell’11° le flegree sono state costantemente avanti sino al 49–46 del 33° toccando anche un rassicurante +13 al 28° (44–31). “Nel basket costruirsi un ampio margine non basta – catechizza l’allenatore puteolano – C’è bisogno di continuità di rendimento, di capacità di lottare a rimbalzo, invece, noi abbiamo perso gli ultimi 6 rimbalzi difensivi. Su tre di questi Machanguana ha sempre fatto canestro. Non puoi permetterti certi errori in partite di play out. E non penso sia un problema tecnico, ma sempre di voglia, determinazione. In alcuni frangenti le giocatrici sembrano nascondersi e la sensazione l’ho avuta in alcune circostanze anche nella regular season”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©