Sport / Basket

Commenta Stampa

GMA Pozzuoli, Palumbo: "questione mentale"


GMA Pozzuoli, Palumbo: 'questione mentale'
18/04/2011, 11:04

Una serata incredibile. Perdere è possibile, ancor più in una serie finale dei play out in cui l’avversaria è già con le spalle al muro, ma nel modo visto al PalaBarbuto è difficile da immaginare, digerire. La JobGate Napoli s’impone (73–58) con pieno merito, ma la Gma Pozzuoli ha toppato clamorosamente l’incontro. Ha subito sempre le “cugine” che sono state sempre avanti nel punteggio (già +9 dopo 3’ 18”). “Queste sono partite in cui l’approccio mentale è tutto – commenta amareggiato coach Fulvio Palumbo – Se le affronti senza usare la testa c’è poco da fare. Le partenopee erano pronte e se la sono giocata, noi non eravamo presenti. Abbiamo sbagliato almeno 4 tiri da sotto canestro completamente liberi (sulla sirena 18/36 da 2), buttato via almeno 4 palloni senza da soli (21 complessivi), diverse volte ci siamo fatti battere in maniera incredibile nell’uno contro uno e siamo a fine stagione in una gara importante. Penso che questi dati rendono l’idea della nostra prestazione. E’ una questione mentale, basta un poco di concentrazione in più e si riesce a produrre qualcosa di meglio. Non so riferire perché sia accaduto ciò, solo le cestiste lo sanno e possono spiegarlo”. Lui il match l’aveva preparato bene e, per evitare d’affaticare troppo le giocatrici, ha fatto svolgere leggere sedute di tiro tra la prima sfida (di giovedì 14) e la seconda (domenica 17). Ora mercoledì sera (ore 20.30), al PalaErrico, ci sarà la bella che emetterà il verdetto definitivo ed insindacabile sulla salvezza. “Dipende tutto dalle atlete – ribadisce il tecnico flegreo – Se hanno voglia proviamo a vincere altrimenti perdiamo e retrocediamo in A2 e chiudiamo quest’annata agonistica. Finisce una storia. In questo momento sono proprio nauseato perché non si ha la possibilità d’incidere su queste ragazze che sono profumatamente pagate, non avanzano nulla. Se questo è il rispetto per la loro società allora abbiamo detto tutto”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©