Sport / Basket

Commenta Stampa

GMA Pozzuoli, Scotto di Luzio: brave tutte


GMA Pozzuoli, Scotto di Luzio: brave tutte
21/03/2011, 10:03

Una prima rapida lettura dello scout finale di Gma Pozzuoli–Geas Sesto San Giovanni 83–72 indica quali indiscubitili MVP della partita Kelly Mazzante (24 punti con 6/8 da 3, 12 rimbalzi, 1 recupero in 40’) e Irina Mihahilova (24 punti con 7/11 dal campo, 9 falli subiti, forse 10, 6 rimbalzi, 1 assist in 40’). E’ un analisi corretta, ma che, però, non rende pienamente merito alle altre 5 cestiste ruotate che hanno dato il loro importante apporto in una gara difficile in cui non erano arruolabili Dixon (0’) e solo minimamente Walker (4’). “Sicuramente i due top scorer hanno garantito una prestazione eccellente, sono stati i nostri punti di forza in attacco (high stagionale per entrambe) – commenta l’assistant coach Stefano Scotto Di Luzio – Il match va considerato nella sua totalità e sotto questo aspetto devo dire che ci sono piaciute tutte, nessuna ha giocato male. E’ più d’una settimana che ci alleniamo a ranghi incompleti, non potendo lavorare al meglio, ma tutte sono riuscite a mettere in pratica i concetti difensivi esposti. Benko (4 recuperi, 3 punti che hanno completato il +8 del 32°) e Zampieri (4 rimbalzi, 3 recuperi, 6 punti con il canestro del 29 pari al 16°) hanno fatto il loro compito segnando anche canestri importanti. Grasso (6 punti, 2 rimbalzi) ha ben contenuto le lunghe milanesi che sono forti. I due play hanno fatto la loro parte e vorrei evidenziarlo. Ci sono state alcune scelte errate, ma dobbiamo ricordare che Gonzalez (9 punti, 3 recuperi, 2 assist) è una classe 1990 e Gatti è del 1989 (11 punti, 4/4 dalla lunetta, 4 assist) e queste mancanze possono starci. In quest’incontro, però, sono state molte le cose positive che hanno fatto. Vorrei elogiare anche Minervino che sta facendo miglioramenti incredibili ogni giorno e, seppur non è impiegata, durante la settimana è importante perché tiene alto il tasso degli allenamenti”. Una grande prova corale caratterizzata da quelle doti che coach Palumbo aveva chiesto alla vigilia: “voglia di vincere, determinazione, concentrazione”. A queste bisogna aggiungere il grande spirito di sacrificio in difesa che ha prodotto 17 palle recuperate e ben 27 rimbalzi difensivi. La rimonta è iniziata da lì: dal 21–27 del 12° al 37–31 del 19° le flegree hanno subito solo 4 lunghezze realizzandone 16. L’unica leggera flessione c’è stata nella terza frazione (dal 47–40 del 23° al 51–49 del 30°), ma poi la ripartenza è stata veemente: 8–2 in 2’ (59–51 al 32°). “Siamo stati bravi a farci trovare pronti in ogni circostanza – prosegue – Nel finale quando le meneghine hanno attuato la tattica del fallo sistematico abbiamo tirato i liberi con alte percentuali (11/12 in quel frangente). Anche da 3 non abbiamo tirato male e bisogna sottolineare che alla prima apparizione della difesa a zona lombarda abbiamo fatto 2/2 dall’arco dei 6.75. E’ un dato positivo che ci fa ben sperare in vista dei play out. In generale a tratti abbiamo giocato una bella pallacanestro e questo unito alla vittoria ci da tanto morale in vista degli spareggi in cui ci auguriamo di raggiungere presto la salvezza”. Ad oggi non è ancora certo l’avversario nel primo turno delle biancoblù che, nell’eventuale secondo, si sono assicurate la bella in casa se il calendario proporrà il derby. “Mi auguro vivamente che non ci sia – conclude Scotto Di Luzio – Da sportivo e da campano vorrei evitare questo scontro diretto. Mi auguro con tutto il cuore che entrambe mantengano la categoria. Sono puteolano e lavoro con la società della mia città, ma sono stato e bene anche sull’altra sponda. Sarebbe bello potersi ritrovare, ma per gioire insieme”.

CURIOSITA’. La Gma Pozzuoli ha partecipato ai festeggiamenti nazionali per i 150° anni dell’unità d’Italia. Prima della partita, al PalaErrico, sono state diffuse le note di “Fratelli d’Italia”. Tutti rigorosamente in piedi con molti presenti che hanno cantato l’inno di Mameli guardando la bandiera tricolore portata ed esposta sul parquet da alcuni giovani del vivaio flegreo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©