Sport / Basket

Commenta Stampa

GMA Pozzuoli, Scotto di Luzio: La reazione c’è stata


GMA Pozzuoli, Scotto di Luzio: La reazione c’è stata
13/12/2010, 10:12

Umbertide non era sicuramente l’avversaria più facile per invertire la rotta sia per la propria consistenza (in serie positiva da 10 partite tra regular season e Q round di Coppa Italia) sia per il poco tempo avuto per preparare la gara, ma la Gma Pozzuoli ha mostrato segnali interessanti. Domenica al PalaErrico ha tenuto ottimamente testa alle perugine per 37’ tenendosi spesso in vantaggio nel risultato anche di 6 (23–17 al 14°, 45 – 39 al 30°) ed 8 lunghezze (31–23 al 18°, 5–27 al 20°) rintuzzando diverse volte i tentativi di rientro della capolista (35–35 al 24°). “Volevo una reazione da parte della squadra e c’è stata – commenta coach Stefano Scotto Di Luzio – Abbiamo condotto nel risultato perché siamo stati aggressivi in difesa ed è quello che voglio sempre. Per larghi tratti lo siamo stati e posso essere soddisfatto così come lo sono perché tutte hanno lottato, si sono impegnate ed hanno dato il loro contributo (9 punti e 13 rimbalzi per Walker, 7 rimbalzi ed 1 assist per Mihahilova). Tutte le cestiste ruotate sono andate a referto e, esclusa Dixon (19 punti, 4 assist) che ha giocato per 38’, tutte le altre non hanno superato i 30’. Significa che per me sono tutte pronte, rilevanti ed avranno la loro chance. Ovviamente in ogni incontro ci sarà chi godrà d’un minutaggio maggiore e chi inferiore. Dipenderà anche dalle caratteristiche della contendente di turno”. In questo senso vanno letti anche i 21’ di Egnell (3 punti e 3 rimbalzi), in panchina per quasi tutto il secondo tempo in cui s’è preferito aver più peso nel pitturato. Scelta che in parte ha pagato, ma è stata penalizzante quando le umbre si sono messe a zona e le campane hanno fatto molta fatica nel bucarla. “Elisabeth è una giocatrice importante che può ricoprire più ruoli – aggiunge il tecnico flegreo – Contro la zona poteva servirci per qualche canestro da fuori o in contropiede, ma a posteriori è tutto più facile. Non nego che quella soluzione difensiva adottata dal mio collega Serventi ci ha castigato, ma non tanto per i tiri segnati o meno quanto per le palle perse nei momenti importanti del match. Sulla sirena né contiamo 23 e sono tante, non possiamo permettercelo contro una formazione esperta che al minimo errore ti castiga”. Com’è puntualmente accaduto nel catino della Solfatara dove ora riprenderà la preparazione in vista del derby di domenica prossima contro la Job Gate Napoli (PalaBarbuto ore 18). “Lavoreremo sodo perché voglio assolutamente vincere – conclude Scotto Di Luzio – Facendo un discorso più generale, comunque, penso che se giochiamo con l’intensità difensiva di domenica scorsa e con qualche errore in meno ci toglieremo alcune soddisfazioni perché ho visto lo spirito giusto”.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©