Sport / Vari

Commenta Stampa

Golf. Allo spagnolo Gonzalo Fernandez Castaño il BMW Italian Open 2012


Golf. Allo spagnolo Gonzalo Fernandez Castaño il BMW Italian Open 2012
22/09/2012, 13:21

Lo spagnolo Gonzalo Fernandez Castaño ha vinto con 264 colpi (68 65 67 64), ben 24 sotto par, la 69a edizione del BMW Italian Open presented by CartaSi, che si è disputata per il quarto anno consecutivo sul percorso del Royal Park I Roveri G&CC (par 72), a Fiano Torinese. Il 32enne madrileno ha superato di due colpi, dopo un serrato duello, il sudafricano Garth Mulroy (266 - 66 67 66 67, -22). Splendida la prova di Matteo Manassero, giunto terzo con 268 (69 69 65 65, -20) alla pari con il francese Gregory Bourdy, dopo un giro in cui ha dato spettacolo concluso in 65 (-7) colpi.

La BMW Serie 6 Gran Coupé è andata allo spagnolo Jorge Campillo, autore della “hole in one” alla buca 15 (par 3, metri 198) utilizzando un ferro 4, nella seconda giornata di gara.

“E’ stata un’edizione emozionante del BMW Italian Open – ha dichiarato Marco Ehmer, direttore marketing di BMW Italia – perché fino all’ultima buca siamo stati tutti con il fiato sospeso in attesa del vincitore. Grandissima prova di Gonzalo Fernandez Castaño, al quale vanno i nostri complimenti, ma un plauso a tutti, per l’elevatissimo livello dei partecipanti e per le loro performance. Siamo molto contenti anche della grande prova di Matteo Manassero che proprio al BMW Italian Open di due anni fa aveva debuttato tra i professionisti. Grazie a tutti coloro che hanno collaborato per la perfetta riuscita della manifestazione”.

Alla cerimonia di premiazione sono intervenuti: donna Allegra Agnelli, presidente del club ospitante; Franco Chimenti, presidente FIG; Giacomo Catano, Amministratore Delegato RCS Sport; Marco Ehmer, Direttore Marketing BMW Italia S.p.A; Michele Stacca, Presidente CartaSi; Claudia Porchietto, Assessore alla Formazione Professionale e Lavoro Regione Piemonte; Barbara Zonchello, presidente del Comitato Organizzatore, e Jamie Birkmyre per l’European Tour.

“La mia seconda vittoria in questa gara - ha detto Gonzalo Fernandez Castaño - ha un sapore speciale perché arriva al termine di un duello avvincente con un gran giocatore come Mulroy. Il field del torneo era altissimo, perciò, questo successo mi dà grande fiducia per il finale di stagione e mi ripaga della delusione patita nel KLM Open in Olanda, dove nel giro finale ero andato piuttosto male. Devo dire grazie a tutta la gente accorsa al Royal Park I Roveri. Ho avvertito grande calore intorno a me al punto che mi sembrava di giocare a Madrid. La chiave del mio successo? La pazienza e la forza di volontà”.

“Senza dubbio - ha dichiarato Matteo Manassero - e considerando l’andamento generale della giornata, questa conclusione di torneo ha reso il giro straordinario. Dell’Open mi resterà uno splendido ricordo. Alla vigilia non ero in gran forma, mentre ora posso dire di aver visto crescere moltissimo il mio livello di gioco. Senza dimenticare il sostegno eccezionale ricevuto dal pubblico. Il seguito di tifosi odierno è andato oltre ogni più rosea aspettativa e questo è motivo di grande orgoglio. L’Italia meritava un Open così”.


Il BMW Group

Il BMW Group, con i marchi BMW, MINI, Husqvarna Motorcycles e Rolls-Royce, è uno dei costruttori di automobili e motociclette di maggior successo nel mondo. Essendo un’azienda globale, il BMW Group dispone di 29 stabilimenti di produzione dislocati in 14 paesi e di una rete di vendita diffusa in più di 140 nazioni.

Il BMW Group ha raggiunto nel 2011 volumi di vendita di 1,67 milioni di automobili e oltre 113.000 motociclette nel mondo. I profitti lordi per il 2011 sono stati di 7,38 miliardi di Euro, il fatturato è stato di 68,82 miliardi di Euro. La forza lavoro del BMW Group al 31 dicembre 2011 era di circa 100.000 associati.

Il successo del BMW Group è fondato su una visione responsabile e di lungo periodo. Per questo motivo, l’azienda ha sempre adottato una filosofia fondata sulla eco-compatibilità e sulla sostenibilità all’interno dell’intera catena di valore, includendo la responsabilità sui prodotti e un chiaro impegno nell’utilizzo responsabile delle risorse. In virtù di questo impegno, negli ultimi sette anni, il BMW Group è stato riconosciuto come leader di settore nel Dow Jones Sustainability Index.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©