Sport / Formula1

Commenta Stampa

Anche l'anno scorso alla fine della gara il sole li accecava

Gp Australia: i piloti protestano per l'orario pomeridiano


Gp Australia: i piloti protestano per l'orario pomeridiano
25/03/2010, 17:03

MELBOURNE (AUSTRALIA) - Si rinnovano quest'anno le polemiche sull'orario di partenza del Gran Premio di Formula 1. Anche l'anno scorso per esigenze commerciali, Bernie Ecclestone stabilì l'orario di inizio della gara alle 17 ore locali (in questa maniera in Europa si può vedere in TV la mattina presto (in Italia le 8 di mattina) e non all'alba come succederebbe se partisse alle 14, orario canonico delle gare europee. Ma facendo così quando la gara finisce (intorno alle 18.30 ore locali) il sole è talmente basso da accecare i piloti. E andare a 300 Km/h senza vedere cosa hai davanti è veramente troppo rischioso.
L'anno scorso i piloti si lamentarono, ma evidentemente non sono stati ascoltati. Ed anche quest'anno le proteste si ripetono. A cominciare dal ferrarista Felipe Massa: "Ricordo che l'anno scorso a un certo punto ho anche avuto paura. Nei giri finali non si vedevano più le righe bianche ai bordi della pista. Era tutto nero,  e quelle velocità è un bel problema. Dobbiamo urgentemente trovare il modo per farci ascoltare di più  è incredibile che tutti i piloti abbiano lanciato un allarme sulla sicurezza e che nessuno l'abbia ascoltato. Capisco che ci sono validi motivi commerciali ma anche la sicurezza è importante. Sarebbe opportuno che si spostasse di un'ora, ma anche mezz'ora andrebbe bene".
Ma anche il suo compagno di squadra Fernando Alonso ha un brutto ricordo: "L'anno scorso avevamo protestato tutti quanti uniti, avevamo detto che era pericoloso, che bisognava cambiare le cose. E invece quest'anno siamo di nuovo qui, nella stessa esatta situazione".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©