Sport / Formula1

Commenta Stampa

Sorprendente il secondo posto di Kubica

Gp Australia: Vince Button, Massa 3° precede Alonso


Gp Australia: Vince Button, Massa 3° precede Alonso
28/03/2010, 11:03

MELBOURNE (Australia) - Ultimamente non si sentiva altro da parte degli appassionati:"La formula 1 è diventata noiosa e prevedibile". A sfatare quello che stava diventando un vero e proprio luogo comune ci pensano però Button, Kubica e tutti gli altri piloti che si sono piazzati nelle prime posizioni. Il Gran Premio d'Australia, regala infatti emozioni fin dalla partenza. 
Scattato il semaforo sulla pista bagnata riesce a muoversi bene Vettel che conserva così la pole. Meno lesto Alonso che, partendo molto lento, si fa infilare agevolmente da un abilissimo Massa (che scavalca poi anche Webber). Lo spagnolo s'innervosisce e si dimentica del freno; lo stesso fa Button e i due si toccano coinvolgendo anche Michael Schumacher (per lui alettone da cambiare). La gara, come detto, è entusiasmante fin dai primi minuti e, al 9°, causa fine della pioggia, costringe praticamente tutti i piloti in testa a rientrare in anticipo per il cambio gomme.
Due giri prima, prevedendo la tregua concessa dalla pioggia, era già rientrato Button giocandosi tutto il Gp. La scelta si rivela però vincente e l'inglese, al termine del rientrone del gruppone iniziale, si ritrova in seconda posizione distanziato da Vettel saldamente al comando. Il pilota Redbull paga però ancora la sfortuna e l'imperizia e, al 26° giro, finisce clamorosamente fuori tutto da solo; regalando la prima posizione a Jenson Button. Fino a fine gare è un tribudio di sfide e sorpassi tra Hamilton, Massa, Kubica ed Alonso.
Alla fine, tra pit-stop e tamponamenti, la gara si conclude con l'Inglese in testa seguito dal sorprendente Kubica e dal non deludente Felipe Massa. In quarta posizione recupera in almeno in parte la non brillante partenza il talentuoso Alonso che si lascia alle spalle Rosberg, Hamilton, Liuzzi, Barrichello, Webber e Michael Schumacher.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©