Sport / Formula1

Commenta Stampa

Ultimo dopo il primo giro, come Vettel

GP Messico: Hamilton vince il suo quarto mondiale


GP Messico: Hamilton vince il suo quarto mondiale
30/10/2017, 09:24

MESSICO - Lewis Hamilton è diventato campione del mondo di Formula 1 per la quarta volta. Un'impresa riuscita solo a cinque persone nella storia dello sport. Non che ci fossero dubbi: un vantaggio di 66 punti a tre gare dalla fine sono un vantaggio di tutto rispetto. 

Alla partenza Vettel parte bene ma Verstappen sfrutta il lungo rettilineo per prendergli la scia e superarlo, urtando il pilota della Ferrari e danneggiandogli l'ala anteriore. Nella situazione cerca di infilarsi anche Hamilton, ma anche lui si scontra con Vettel, la cui ala anteriore - già danneggiata - gli taglia il pneumatico posteriore. Verstappen così riesce a prendere il largo, mentre Vettel ed Hamilton sono costretti a rientrare subito ai box. Alla fine del primo giro, Bottas è secondo, seguito da Ocon, Stroll, Perez e un deludente Raikkonen. Vettel ed Hamilton si trovano invece in fondo al gruppo, con il secondo che ha un distacco di oltre 20 secondi dall'ultimo. Con le gomme soft, Vettel comincia la rimonta, nonostante tutti gli altri abbiano gomme più morbide e più performanti. 

Al 32esimo giro Hartley esce di pista e si attiva la virtal safety car. Questo spinge tutti i migliori a rientrare ai box per cambiare le gomme. Così Raikkonen, che era rimasto in pista mentre Ocon, Perez e Stroll erano andati ai box nei giri precedenti, si ritrova al terzo posto, dietro Verstappene  Bottas ormai irraggiungibili. Anche Vettel ed Hamilton cambiano le gomme, passando alle ultrasoft e così la loro rimonta diventa più efficace. Alla fine, Vettel finisce quarto, ed Hamilton nono. Ma quei due punti dell'inglese sono più che sufficienti, grazie al vantaggio precedente per permettergli di festeggiare il titolo. Verstappen invece vince la garam dopo aver più volte ottenuto il miglior giro in pista, alternativamente con Vettel. Bottas resta secondo e Raikkonen terzo. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©