Sport / Offshore

Commenta Stampa

Imbarcazione Finlandese per un trionfo Napoletano

Gran premio Città di Napoli: l'offshore vive nel golfo

Circolo Canottieri da 50 anni al fianco della motonautica

.

Gran premio Città di Napoli: l'offshore vive nel golfo
18/05/2011, 15:05

NAPOLI – Linea sinuosa e aggressiva nel contempo brilla sotto il sole di Napoli: è la Carpisa Yamamay C 11, l’ avveniristica imbarcazione che sarà pilotata dal pluri campione Partenopeo Diego Testa con al suo attivo un palmares di tutto rispetto. La doppia presentazione quella dell’ imbarcazione appunto, e della tappa Napoletana del Campionato Mondiale, si è tenuta presso il Circolo Canottieri Napoli, a Diego Testa il compito di portare a casa la vittoria del Gran Premio Città di Napoli, gara che fa parte del Campionato Italiano Offshore 3000 Motorola Cup, che i svolgerà nello specchio d’ acqua antistante Castel dell ‘Ovo il 21 e 22 maggio prossimi. Questa imbarcazione è stata fortemente voluta dal pilota Testa che si è recato personalmente in Finlandia a prenderla, per poi far apportare, qui in Italia, le modifiche dettate dal regolamento relative alla sicurezza dei piloti. Come afferma il Presidente del Circolo Canottieri, Curzio Bonaiuto, da sempre accanto alla motonautica e che ha avuto dei trascorsi da pilota, definendosi egli stesso un miracolato a seguito di un incidente che lo ha interessato: “ Che ben vengano le regole sulla sicurezza a beneficio dei piloti, il modificare lo scafo non condiziona il rendimento, infatti tutto è affidato al pilota” poi continua, “ Si gareggia ad una velocità che supera i 150 Km orari ed il cupolino posto a protezione dell‘ abitacolo, una delle modifiche apportate, garantisce il 90 se non il 95% di possibilità di salvezza dell’ equipaggio”. L’ultima battuta il Presidente la rivolge a Diego Testa giocando e parafrasando sul suo cognome dicendo:”Poi se Testa mette la testa a posto ci può regalare l’ emozione del mondiale”. Puntato al ringraziamento agli sponsor e alla disponibilità del Circolo Canottieri è il commento di Testa che dichiara: “ E’ stato importante avere al fianco il Circolo dove, posso dire con orgoglio, è nata la motonautica”. Prendono parte al Gran Premio Città di Napoli 18 imbarcazioni e come ha detto il pilota Partenopeo: “ A determinare la vittoria in una gara di velocità, spesso è la buona partenza, sinonimo di mezza vittoria”

Commenta Stampa
di Antonio Sarracino
Riproduzione riservata ©