Sport / Formula1

Commenta Stampa

Gran Premio di Monaco: Ferrari competitive alle prove libere


Gran Premio di Monaco: Ferrari competitive alle prove libere
23/05/2013, 18:58

Sempre più vicino il Gran Premio di Monaco l’appuntamento del Mondiale di Formula 1 più atteso del calendario. Unica ad essere svolta su un circuito cittadino la gara esige dai piloti massima concentrazione ed un imponente sforzo fisico e mentale. Le leggendarie curve del tortuoso tracciato, che dev’essere percorso 78 volte per 260 chilometri, stando sempre attenti ad evitare l’errore sempre in agguato nelle strette stradine del circuito monegasco, in cui i piloti sono obbligati a sfiorare il guard-rail. Cominciate stamane le prove libere che decideranno l’ordine di partenza, mai tanto importante come in questa gara in cui i sorpassi sono quasi impossibili . Nella prima sessione il più veloce è Nico Rosberg su Mercedes, che ha compiuto 31 giri col tempo di 1:16.195 ; secondo, staccato di pochi centesimi ( 0.087), Fernando Alonso alla guida della Ferrari; mentre l’altro ferrarista Felipe Massa si piazza al quarto posto dietro Romain Grosjean su Lotus e davanti ad Hamilton e Maldonado. Nel corso della sessione le squadre hanno provato nuove soluzioni tecniche per far fronte al nuovo carico aerodinamico richiesto dal tracciato. Perez, sulla sua McLaren ha testato le nuove ali anteriore e posteriore. Da registrare un testacoda di Sutil alla curva 1. Il pilota è tornato in pista per poi rientrare nei box. Nel primo pomeriggio è di nuovo Nico Rosberg ad aggiudicarsi la seconda sessione di prove libere, svoltasi, col tempo di 1’14”759 minuti, lasciandosi alle spalle il compagno di squadra Lewis Hamilton e Fernando Alonso. Il pilota inglese ha accusato un ritardo di 318 millesimi (1’15”077), mentre il ferrarista ha staccato il tempo di 1’15”196 (+ 437 millesimi). Quarta posizione ancora per Felipe Massa (+ 519 millesimi, 1’15”278), che precede Mark Webber e Kimi Raikkonen. Pastor Maldonando è invece scivolato in 14° posizione.

 

Commenta Stampa
di Christian Gemei
Riproduzione riservata ©