Sport / Pugilato

Commenta Stampa

Grande festa per la boxe in Campania, bilancio positivo


Grande festa per la boxe in Campania, bilancio positivo
23/12/2011, 10:12

Domenica scorsa, 18 dicembre 2011, la Federazione Pugilistica Campana ha vissuto una giornata indimenticabile. Nella splendida location dell’ Hotel Vittoria di Pompei, di proprietà di Rosario Africano, la federazione, sotto l’egida del prof. Enrico Apa, si è ritrovata per tracciare un bilancio dell’anno che sta per andare in archivio e per gettare le basi per l’ anno venturo. La manifestazione annuale è stata fortemente voluta e ripristinata dal presidente Apa che sta lavorando alacremente per dare ancora maggior lustro alla federazione. Il movimento pugilistico campano, considerando il periodo estremamente difficoltoso, gode di ottima salute visto che gli iscritti sono in costante aumento e visto che i risultati sportivi fotografano meglio di qualsiasi parola lo stato della boxe campana: la Campania, senza possibilità di essere smentiti, è la regione più titolata d’Italia. I migliori pugili sono quasi tutti frutto della nostra fertile terra a testimonianza che il mondo pugilistico campano è formato da tecnici competenti e preparati che infondono in tutti gli atleti l’amore smisurato per la nobile arte. La festa ha avuto un successo straordinario ed il presidente Apa ha premiato tutti i pugili intervenuti che si sono distinti nell’anno 2011 con una targa ricordo ed altri gadget messi a disposizione dalla Federazione e da qualche sponsor. La manifestazione è stato un modo per porre in essere anche una programmazione che caratterizzerà la prossima stagione agonistica che ci porterà dritti alle olimpiadi di Londra 2012. Hanno staccato il biglietto per la manifestazione a cinque cerchi già diversi pugili campani tra i quali: Clemente Russo, Domenico Valentino e Vincenzo Picardi, la nostra squadra di pugili campani è già pronta per dare spettacolo e i nostri ragazzi si candidano come possibili medagliati.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©