Sport / Vari

Commenta Stampa

Haba Waba Festival 2010, mini-olimpiade di pallanuoto


Haba Waba Festival 2010, mini-olimpiade di pallanuoto
18/06/2010, 14:06


LIGNANO SABBIADORO - Imparare a giocare a pallanuoto divertendosi come matti: è questo lo spirito dell'Haba Waba Festival, la manifestazione organizzata ogni anno dall'Associazione Waterpolo Development con l'egida della Len, la Federazione europea di nuoto e pallanuoto. E così 600 bambini, dagli 11 anni in giù, si ritroveranno nel Villaggio Ge.Tur di Lignano Sabbiadoro dal 18 al 23 giugno per quella che ormai è diventata una "piccola Olimpiade della pallanuoto" per i più piccini.
"Abbiamo cominciato nel 2008 a Castelvolturno quasi per gioco - precisa Gabriele Pomilio, presidente della Waterpolo Development - e adesso nella terza edizione abbiamo 60 squadre provenienti da sette Paesi: Grecia, Italia, Montenegro, Romania, Spagna, Svizzera e Stati Uniti. Siamo cresciuti ma il nostro obiettivo è rimasto immutato: contribuire alla diffusione della pallanuoto nel mondo insegnando ai bambini ad amare questo sport". Testimonial. Anche nella terza edizione sono previsti due tornei: il primo riservato ai nati negli anni 1999-2000, il secondo ai nati negli anni 2001 e seguenti. A fare da mamma e papà ai 600 bambini due campionissimi nelle vesti di testimonial dell'Haba Waba Festival: Alexandra Araujo, brasiliana naturalizzata campione olimpica 2004 con il Setterosa di Formiconi, e Marco D'Altrui, uno dei pochi giocatori al mondo ad aver vinto tutte le manifestazioni sia con il Settebello sia a livello di club, talmente innamorato della pallanuoto da giocare ancora oggi, a 46 anni suonati, con la Simply Pescara in serie C.
Golden Mama. Questa poi è l'idea più bella: il premio "Golden Mama" è stato istituito dalla Waterpolo Development per dare un riconoscimento alle mamme che, con il loro amore e i loro insegnamenti, hanno contribuito in maniera determinante alla formazione dei grandi campioni dello sport. La "Golden Mama" 2010 è Patrizia Pendola, mamma di Maurizio Felugo, azzurro e pluricampione d'Italia e d'Europa con la calottina della Pro Recco. Ecco la motivazione: "La signora Pendola ha un duplice merito: ha regalato allo sport italiano un grandissimo campione di pallanuoto e un ragazzo che, distinguendosi per le sue attività filantropiche, oggi è un esempio per tutti". Maurizio Felugo, infatti, fa parte dell'Associazione Tene Ti Ala che si batte per la sopravvivenza dei bambini delle popolazioni disagiate dell'Africa. Patrizia Pendola, mamm a di Felugo, sarà premiata il 22 giugno a Lignano Sabbiadoro nel gran gala che concluderà la manifestazione.
La mascotte. Ah, dimenticavamo: l'Haba Waba Festival da quest'anno ha anche una mascotte: il tricheco pallanuotista "Rock & Pop", realizzato sulla base di un disegno inviato da una bambina di Salerno, Fabrizia Barbato, che verrà premiata a Lignano Sabbiadoro.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©