Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

A "Settimana azzurra" parla Gianfranco Lucariello

"Hamsik, Lavezzi e Quagliarella fanno faville a briglia sciolta"


.

'Hamsik, Lavezzi e Quagliarella fanno faville a briglia sciolta'
06/11/2009, 10:11

NAPOLI - Domani pomeriggio allo stadio Massimino, il Napoli cerca una risposta alla domanda “fino a dove potrà arrivare questa squadra?”. Vincere anche a Catania significherebbe essere finalmente maturati e aver capito come si tiene alta la concentrazione.
Battere una “piccola” è il passo in avanti che tutti si aspettano, la maturazione che manca e che, se dovesse arrivare, dimostrerebbe alla squadra di essere pronta per il grande salto.
Questa sera nel corso di Settimana Azzurra si parla della sfida di domani in Sicilia, probabile il ritorno di Quagliarella dal primo minuto. Il campano è in ballottaggio con Denis, in forma strepitosa. A centrocampo c’è il secondo dubbio: probabile la conferma di Cigarini che, però, deve superare Pazienza. Novità in difesa con il rientro di Grava visto che Campagnaro e Santacroce, hanno proseguito con l’allenamento differenziato.
Hamsik, Lavezzi e Quagliarella sono giocatori un po’ atipici che devono andare a briglia sciolta. Se dietro metti un bel centrocampo e una bellissima difesa possono fare faville. Indipendentemente dal modulo anche se credo che ora come ora il 3-4-3 o a seconda degli spostamenti 4-3-3 sia effettivamente la soluzione migliore”, dichiarato nel corso della trasmissione il Gianfranco Lucariello, noto giornalista.
Cigarini è un giocatore importante, ha offerto uno squarcio delle qualità che possiede. A 22 anni ha un margine di miglioramento notevole. E’ chiaro che bisogna dargli fiducia, tenendo presente che in qualunque momento (come avvenuto a Torino) può subentrare Pazienza ed essere prezioso quando si deve mantenere il risultato e quella tenuta agonistica che serve al centrocampo per fermare il gioco avversario”.
La trasmissione prosegue con un servizio sui precedenti di Catania-Napoli, domenica sarà la 12esima sfida.

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©