Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Hamsik lo stakanovista: 70 partite in 5 mesi


Hamsik lo stakanovista: 70 partite in 5 mesi
30/03/2011, 10:03

Mazzarri lo considera insostituibile e in 42 partite ufficiali lo ha schierato 41 volte (una volta era squalificato), Reja non se ne privava mai (40 partite solo nella prima stagione di A), il cittì della Slovacchia Weiss gli ha fatto disputare le ultime nove partite consecutive. Tutti pazzi per Marek Hamsik, non ancora 24 anni, che vale almeno 24 milioni ed è inseguito da tutti i grandi club d’Europa. Insostituibile, infaticabile e anche gran goleador (45 gol nel Napoli dal 2007): Marekiaro ieri sera contro la Danimarca ha toccato 50 partite giocate in stagione. Nessuno come lui nella rosa del Napoli, nemmeno Cavani che ieri sera è salito a quota 47 tra azzurro e celeste nazionale. A battere su numeri di Hamsik si scopre che ha giocato poco più di una partita ogni 4 giorni e mezzo dall’11 agosto (Slovacchia-Croazia) a ieri. Ancora, ha in pratica toccato quota 4000 minuti in campo (senza i recuperi): 3270 nel Napoli tra campionato e coppe e 720 in nazionale. Numeri bestiali: gli allenatori lo adorano e di media lo tengono almeno 80’ in campo a partita. Uno così non puoi proprio lasciarlo andare via, lo sa bene De Laurentiis che gli ha rinnovato il contratto fino al 2015 e lo considera incedibile, nonostante le lusinghe di Manchester United, Chelsea e le voci fuori del coro di chi lo pronostica il più cedibile nel tridente azzurro. Marekiaro ha ormai convinto tutti: in Slovacchia è un supereroe, giovane capitano coraggioso che da due anni vince il pallone d’oro. Il suo procuratore Fulvio Marrucco lo lancia anche di più: «In futuro vincerà anche il pallone d’oro europeo». Il suo manager se lo coccola e pensa già alla Champions League in azzurro: «Potrebbe restare a vita nel Napoli». Marek parla spesso dal blog del suo sito e più lo fa più entra nei cuori dei tifosi più giovani che lo adorano. Segna tanto ed è spesso decisivo negli assist: l’ultimo della serie, quello bellissimo e delicato, per il pallonetto di Cavani per il 2-1 sul Cagliari. Arriverà a quota 60 partite, quasi certamente: 8 ne deve giocare con il Napoli e un paio entro giugno con la Slovacchia. Intanto, domenica a pranzo cerca il decimo gol in questo campionato contro la Lazio e il suo ex allenatore Edi Reja. Alla Lazio Marekiaro ha già segnato tre volte in tre stagioni e punta al poker. Sarà la dolce spina nel fianco di Reja, che teme lui ancora più di Cavani e Lavezzi. Invisibile, infallibile, instancabile Marekiaro.

Fonte: Leggo

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©