Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA DE LAURENTIIS

"Hamsik via per Lamela? Invenzione dei giornali"


'Hamsik via per Lamela? Invenzione dei giornali'
21/06/2011, 13:06

Il presidente Aurelio De Laurentiis, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Marte:

"I lavori da fare al San Paolo sono tantissimi, dal terzo anello alla sala stampa. Sapevamo che il passaggio da una amministrazione comunale all'altra avrebbe portato dei rallentamenti, ma adesso dobbiamo darci da fare perchè ci sono tanti impegni internazionali da rispettare. Il sindaco si è dimostrato molto disponibile, pensare che questa mattina ci siamo sentiti alle 6.50. Bisogna fare tanto e bisogna farlo prima di agosto così da poter anche organizzare le tante amichevoli che abbiamo in mente, amichevoli con squadre di grandissimo blasone. Io ho massima fiducia nel nuovo sindaco ma bisogna dargli tempo, non posso certo sperare che in qualche giorno vengano risolti problemi che non sono stati risolti in tanti anni."
Si parla tanto di tessere del tifoso e di stadi senza barriere.
"Dobbiamo seguire il progetto del ministro Maroni che sta facendo ottime cose. Mi piacerebbe però un maggiore dialogo con i tifosi, in fondo senza di loro il calcio non esisterebbe. Bisogna trovare delle soluzioni che accontentino loro, sono i tifosi il motore del calcio."
Tante le voci di mercato: Lamela sembra essere il primo obiettivo azzurro.
"Il mercato è aperto sino al 31 agosto e sino a quel giorno noi faremo in modo di prendere i giocatori migliori. Lamela al posto di Hamsik? Grandissima stupidata, una invenzione dei giornali. Ho detto più volte che l'argentino mi piace ma non è una priorità, io lo vedo bene nel Napoli ma lo vedo come investimento prospettico. Lamela in questo momento non può certo risolvere i problemi del Napoli. Io ho come l'impressione che se parli tanto solo per creare un'asta intorno al ragazzo. Se il Milan vuole Hamsik mi devono dare Pato e anche dei soldi. Lavezzi con l'Argentina è stato bravissimo, a Napoli da lui ci aspettiamo cose del genere e anche di più."

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©