Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA RAIOLA

"Hamsik vuole il Napoli, decide De Laurentiis...."


'Hamsik vuole il Napoli, decide De Laurentiis....'
03/01/2012, 13:01

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Mino Raiola, procuratore di Marek Hamsik e Balotelli
“Hamsik non vuole lasciare Napoli. Se arriveranno offerte, il patron deciderà se accettarle”
“Tabloid inglesi dicono bugie, Balotelli non è stato sfrattato”
“Più che un mercato di riparazione, mi sembra che questo sia un mercato di potenziamento dei club che vogliono centrare un traguardo. C’è l’ansia da parte delle squadre di restare fuori alla zona Champions e dalla Uefa. In Italia, dove i diritti televisivi sono fondamentali per la sopravvivenza delle società, è ovvio che i presidenti debbono fare uno sforzo in più a gennaio, investendo sul mercato perché c’è ansia e paura di non centrare gli obiettivi.
Tevez all’Inter? Nel calcio è tutto possibile. Finché il calciatore non firmerà, potrà sempre cambiare idea. Il Milan ha dichiarato a tutti di puntare su Tevez ma a certe condizioni. Poi, se l’Inter proporrà un’offerta più equa per il City, diventerà una concorrente importante.
Il mercato del Napoli? Non credo che il Napoli si debba rinforzare perché reputo la squadra azzurra fortissima. Penso sia difficile gestire un gruppo, come quello azzurro, che non è abituato a giocare per lo scudetto e la Champions League. Si possono perdere dei punti in campionato quando disputano due competizioni, per la prima volta. Poi, con Vargas il Napoli si è già rinforzato. È sempre difficile inserire in un’orchestra che già va bene, nuovi elementi.
Il Napoli è un gruppo forte e straordinario ed è allenato da un tecnico che a me piace tanto. Mazzarri tira fuori tutte le energie dei giocatori, attua un bel gioco, di coraggio. Alla luce di tutto ciò, non credo quindi che il Napoli debba rinforzarsi. Poi, se la società partenopea acquisterà giocatori che possono essere utili per il futuro, ben venga.
 

Commenta Stampa
di Massimo La Porta
Riproduzione riservata ©