Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

L'accordo c'è, manca la presentazione

Higuain è del Napoli, grazie a De Laurentiis

Decisivi Benitez e le referenze di Lavezzi e Maradona

Higuain è del Napoli, grazie a De Laurentiis
24/07/2013, 09:17

Higuain è del Napoli, ma manca l’annuncio. Dopo tante, tantissime trattative avviate e mai concluse, il presidente De Laurentiis è sceso in campo direttamente per sborsare 40 milioni di euro utili all’acquisto della punta argentina del Real Madrid. Benedetto da Benitez, ma prima ancora da Maradona, Higuain non è certo uno sconosciuto alla Calderon. E’ un gregario, vero, ma nel Real Madrid ha avuto una media impressionante di 1 goal ogni due partite e questo dovrebbe rassicurare lo scetticismo di chi non conosce de visu l’erede di Cavani. L’acquisto di Higuain dovrebbe esautorare del tutto Bigon dal suo ruolo di mediatore del presidente se consideriamo che sono state troppe le trattative aperte e nessun acquisto è stato fatto grazie all’abilità del Manager del Napoli. L’affare Ibrahimovic è saltato per la sua tarda età accompagnata da una pretesa contrattuale del giocatore troppo alta per i canoni di De Laurentiis che ha agito smentendo le voci di un suo interessamento dando chiara visibilità di interpretare il motto latino “che l’uva non è matura”. Damiao e Lavezzi, invece, dopo attenti sondaggi non sono stati considerati come proposte valide dai tifosi del Napoli, che sono stati stuzzicati più volte su questi nomi dando risposte davvero allarmanti su un loro eventuale arrivo a Napoli, e dopo che De Laurentiis si è fatto odiare dal Manchester City per aver ceduto Cavani all’indomani di una stretta di mano data ai dirigenti della squadra di Manchester, la situazione top player si è conclusa con Higuain abbandonando la pista Dzeko. I tifosi ammiccano, il presidente entra nella storia per aver portato a Napoli un giocatore da “circa” 80 miliardi di vecchie lire e Benitez, dopo Albiol e Callejon, porta a Napoli un altro giocatore di suo gradimento insieme a Reina che dovrebbe essere confermato ad ore come sostituto di De Sanctis, salutato in pompa magna dai tifosi azzurri. E dopo la fase offensiva, al Napoli manca un difensore per completare finalmente l’ultimo tassello di un progetto che vuole Rafa Benitez vincente con la maglia azzurra, ma questo sarà il verdetto del campo a dare risposte concrete alle ambizioni di De Laurentiis ed alla voglia dei tifosi di rivivere i momenti già vissuti sotto l’insegna di un argentino con l’appellativo di “Mano di Dio”.

Commenta Stampa
di Livio Varriale
Riproduzione riservata ©