Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Hubner:"Il Cesena è più tranquillo del Napoli"


Hubner:'Il Cesena è più tranquillo del Napoli'
25/09/2010, 17:09

Nel corso della puntata odierna di “Amore… Azzurro”, programma sportivo in onda ogni mercoledì e sabato su Radio Amore, è intervenuto l’ex attaccante del Cesena, Dario Hübner. Ecco alcuni passaggi dell’intervista: “Cesena-Napoli? I romagnoli non hanno la necessità di dover fare obbligatoriamente i tre punti. Gli uomini di Ficcadenti potendo giocare con tranquillità, potrebbero mettere in difficoltà gli azzurri. Campionato strano? Le neopromosse hanno la necessità di fare molti punti all’inizio del campionato, approfittando degli impegni nelle competizioni europee che affliggono le squadre più blasonate. Perché molti calciatori preferiscono restare in provincia? Alcuni giocatori riescono ad esprimersi meglio in piccole realtà, mentre faticano a dimostrare tutto il loro valore in provincia. E’ una questione caratteriale. Chi sarà il capocannoniere? Vedo molto bene Eto’o, perché a differenza della scorsa stagione, quest’anno gioca molto più vicino alla porta. Come mai molti giocatori arrivano tardi nel grande calcio? Personalmente, non ho alcun rammarico per com’è andata la mia carriera. Molti colleghi, pur avendo grandi qualità, restano nelle categorie inferiori. Altri invece militano in A e B, pur non sapendo come hanno fatto ad arrivarci. L’esperienza nel Cavenago? Quest’anno gioco a 5 km da casa. Ora penso solo a divertirmi, il risultato conta fino ad un certo punto. Ho un piccolo problema al polpaccio e domani dovrei andare in panchina. Magari, entrerò negli ultimi venti minuti. Lo sciopero? Nelle categorie inferiori ci sono molti problemi. Purtroppo, sotto i riflettori finisce solo il grande calcio. E’ giusto che ci sia questo spirito di solidarietà da parte dei grandi campioni. La stragrande maggioranza dei calciatori, infatti, vive quasi gli stessi problemi di un operaio”.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©