Sport / Calcio

Commenta Stampa

MISTERO HAMSIK

I grigiori del giovane Marek


I grigiori del giovane Marek
15/03/2010, 19:03

Opaco, privo di un briciolo di brillantezza, buio. Nel cielo azzurro del Napoli, reso terso dalla crisi di risultati, la stella di Marek Hamsik è la cometa che maggiormente si è eclissata nella costellazione dei campioni esaltati dalla cura Mazzarri. Assieme a Quagliarella il centrocampista slovacco sembra essere l’elemento più in difficoltà del girone di ritorno. Molle in fase di interdizione, nella quale non sembra mostrare progressi nella sua personale crescita, privo di fosforo nella trequarti, totalmente a secco di munizioni nell’arma che lo ha reso celebre, l’inserimento. I nove sigilli che hanno permesso al Napoli ed al suo attacco di compensare la sterilità del reparto offensivo sembrano essere un bottino sul quale il numero diciassette azzurro pare crogiolarsi. L’ambiguità del ruolo da interpretare all’interno di un qualsiasi modulo, vero punto interrogativo nel curriculum del calciatore slovacco, sembra esplodere sotto il peso delle ultime incerte prestazioni. L’assenza delle sue incursioni micidiali disarma il non copioso arsenale, l’affaticamento dei polmoni di centrocampo è esasperato dalla sua scarsa propensione difensiva. Sarebbe pazzesco individuare Hamsik come causa dei problemi ma il mancato inserimento del tridente offensivo composto da Lavezzi, Denis e Quagliarella, unica carta da giocare per limare l’assenza di un bomber ottimizzando le caratteristiche delle punte, sembra dipendere proprio dalla scarsa voglia del mister toscano di privarsi di Marek. Il ritorno alla forma migliore di Lavezzi lascia ben sperare ma la staffetta tra Denis e Quagliarella non offre buone risposte. Il momento storico della stagione obbliga Mazzarri a studiare formule in grado di supportare la soluzione che da tempo si invoca e che adesso rappresenta una necessità. Se la ricerca degli equilibri non permette la coesistenza dei tre attaccanti con il talento slovacco, si escluda il superfluo per valorizzare l’indispensabile.  Scegliere chi è più in forma, risolvere l’enigma del goal.  Le due missioni non hanno più tanto tempo per essere realizzate, c’è da trovare una sintesi

Commenta Stampa
di Pensiero Azzurro
Riproduzione riservata ©