Sport / Motorsport

Commenta Stampa

I viaggi dei bikers del Vesuvio Chapter


I viaggi dei bikers del Vesuvio Chapter
08/08/2011, 18:08

 

Questa è la settimana per eccellenza delle vacanze estive. Finalmente si è in viaggio per raggiungere la meta tanto desiderata durante i freddi mesi invernali. In occasione di una registrazione per la trasmissione Motor Style, ho avuto modo di scoprire come alcuni degli harleysti iscritti al Vesuvio Chapter trascorreranno la loro “week’s holiday on bike”. Devo ammettere che mi hanno sorpreso per l’originalità del loro modo di coniugare il verbo viaggiare. Gennaro Aversano e Sonia Marzano, sono la classica coppia bikers, che non esce da casa se non in sella ad una Harley-Davidson: “Il viaggio – dice Aversano – è un concetto che concepisco solo alla guida della mia Street Glide. Saremo per i paesi dell’Europa centrale, perché abbiamo in mente di visitare le capitali di Germania, Austria e Svizzera. Sonia da cinque anni accompagna ogni mia uscita, ed il piacere del viaggiare insieme inizia già durante la fase della scelta delle località da scoprire. Quello che più ci attrae è l’incanto disarmante di un viaggio spensierato in moto”. Anche su una 883 del 1991 si può godere dell’ebbrezza di percorrere migliaia di chilometri di nastro d’asfalto ammirando le bellezze dei paesaggi circostanti; testimone è Gianbattista Villano: “Con –spiega il biker napoletano – la mia piccolina riscopro il piacere dell’evasione dalla realtà quotidiana, per immergermi nel fantastico mondo delle esplorazioni in moto. In particolare le Harley-Davidson rappresentano al meglio l’idea di trascorrere il tempo muovendosi con gli amici. Quest’anno sarò a godermi le infinite strade tortuose dell’Italia centrale, tra un bicchiere di buon vino e il calore del sole delle coste laziali ed abruzzesi”. Per Lino Tozzi, apprezzato cantante all’ombra del Vesuvio, la vacanza è solo in moto: “Da poco – racconta il cantautore – mi sono avvicinato all’universo Harley. Grazie al Vesuvio Chapter ho scoperto le gioie di muoversi in moto gustando le sensazioni che questa regala, dove non conta quanti giri di lancetta fa il tuo orologio, ma solo quello che scorre davanti ai tuoi occhi. Con la mia Softail Custom non mi allontanerò molto da Napoli, perché rimarrò in Campania, regione che reputo tra le più belle di quelle che affacciano sul Mediterraneo”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©