Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Il 20 giugno a Posillipo il primo raduno d'epoca "Italian Cars Club"


Il 20 giugno a Posillipo il primo raduno d'epoca 'Italian Cars Club'
17/06/2010, 15:06

Il 20 giugno nell’incantevole scenario del parco Virgiliano di Posillipo, si terrà il primo raduno d’auto e moto d’epoca “Italian Cars Club Napoli”. L’associazione nata nel 2003 e presieduta da Giuseppe Velotti, dopo anni di affiancamento nell’organizzazione di raduni, ha deciso che è venuta l’ora di organizzarne uno con le forze dei propri soci: “Siamo – spiega Velotti – quasi trecento iscritti. La sede del Club è in via Volpicella 146, nel quartiere Barra. Con il passare degli anni, però, abbiamo allargato la base di coinvolgimento degli appassionati, tant’è che tra le nostre fila ci sono amanti delle due e quattro ruote d’epoca provenienti da tutta la regione Campania. Inizialmente ci occupavamo esclusivamente di vetture, poi, si è creato lo spazio anche per le moto. Per noi che siano due o quattro le ruote, è relativo, mentre è importante l’amore che si prova per il proprio mezzo. L’essere un’auto o una moto d’epoca è un surplus emozionale, e facciamo di tutto per mantenerle intatte. Questi veicoli permettono di rivivere tecnologie, avventure, emozioni e tempi che altrimenti sarebbe impossibile poter fare. E’ un fascino che non conosce limiti temporali”. Il quartiere di Posillipo è forse tra i più belli di Napoli, e per chi ama il genere, quello di domenica sarà un appuntamento da non perdere: “Sarà –dice il presidente – una passerella per vecchie signore, la cui gloria aumenta con il trascorrere degli anni. Grazie alla collaborazione con il Comune di Napoli, e a Raffaele Merolla, sulla collina di Posillipo sfileranno auto e moto che hanno fatto la storia motoristica d’Italia. Non voglio citare dei modelli in particolare, perché sarebbe offensivo verso quelli tralasciati, ma posso assicurare che anche chi non è un esperto, troverà piacevole assistere alla sfilata. Per maggiori informazioni, potete contattarmi allo 3391859428”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©