Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Il 27 giugno a Salandra (Mt) il quarto atto del Trofeo Motorsannio-Pirelli


Il 27 giugno a Salandra (Mt) il quarto atto del Trofeo Motorsannio-Pirelli
18/06/2010, 10:06

Il 27 giugno il circus del Trofeo Motorsannio-Pirelli farà tappa in Basilicata, in particolare sulla pista di Salandra, in provincia di Matera. Si gareggerà per la quarta prova in calendario, fondamentale per chi ha voglia di assestare un colpo decisivo alle leadership delle classifiche. Chi ha ambizioni di comando nella categoria S1 è la “Volpe del Sannio” Enzo Gnerre, che ricordiamo è reduce da un brutto infortunio avuto nel finale della scorsa stagione, ma sulla via del recupero: “Rispetto – racconta la volpe – agli anni passati, scendo in pista con meno pressione. E’ vero che sono il campione in carica, e che ho fatto miei otto titoli, ma se penso che quest’anno non dovevo neanche prendere il via, quello che sto facendo è anche troppo. Per riprendermi completamente dovrei stare in riposo assoluto, ma è uno status che stride contro la mia filosofia di vita. Sia sul lavoro, sia nello sport, immaginarmi, anche per un istante, fermo è come vivere un incubo. Purtroppo sul mio cammino ho incontrato un avversario tosto, il cinghialone Carmine Matarazzo. Un osso duro, che guida bene, e che va fortissimo sul bagnato. A Salandra sarà una bella sfida, e per arrivargli davanti dovrò dare il meglio di me”. Matarazzo è l’uomo da battere nella S1, e non ha nessun’intenzione di cedere il comando: “Sono – dice il Cinghialone – partito con il piede giusto. Affronto ogni gara con l’intento di vincerla, ma quando non è possibile, preferisco portare a casa punti pesanti per la vittoria finale. Con questa tattica affronterò le due manche di domenica”.

Ad organizzare l’evento sarà il Moto Club L M Racing capitanato da “Eta Beta” Cosimo Lemma (nella foto a destra). Lemma è un tecnico che praticamente trascorre i giorni della sua vita tra crossodromi e piste; è stato un buon pilota di Cross e Supermoto, ed ora si diverte nel fare da chioccia alle giovani promesse lucane del motociclismo: “Dal 2004 – spiega Lemma – grazie alla collaborazione con le istituzioni locali, ospitiamo una prova del Motorsannio-Pirelli. La pista non è molto veloce, e presenta uno sterrato tra i più tecnici del trofeo. Le curve sono, come si dice in gergo, chiuse, e questo assicura derapate spettacolari. Ad ogni appuntamento, l’apporto del pubblico è stato da tribune piene, e anche per questo fine settimana si prevede il tutto esaurito al botteghino. Come nostro pilota, vi consiglio di tenere d’occhio Luca Ciaglia (nella foto a sinistra) nella classe Open”.

 

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©