Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Gli azzurri in gara per 20 minuti, poi i maestri insegnano

Il Barça umilia il Napoli: 5-0 con quattro pali


Il Barça umilia il Napoli: 5-0 con quattro pali
23/08/2011, 09:08

BARCELLONA (SPAGNA) - Se questa doveva essere la prova della maturità per il Napoli, è il caso di ripassare. La coppa Gamper - un trofeo estivo che però per i catalani è fondamentale - vedeva il Barcellona affrontare un Napoli che assaggia un avversario europeo forte, che potrebbe essere avversario anche in Champions League. E i risultati sono stati pessimi.
Eppure il Napoli non era partito male, anche se il Barcellona aveva Messi e Xavi in panchina, mentre Fabregas provava con la squadra i meccanismi di una partita vera. Gli azzurri avevano quella che probabilmente sarà la formazione tipo durante l'anno: De Sanctis tra i pali, la difesa a 3 con Campagnaro, Cannavaro e Britos; a centrocampo Dzemaili e Inler, supportati sulle ali da Dossena e Maggio; in attacco Hamsik e Lavezzi supportavano un Cavani punta centrale.
Il primo lampo è del Napoli, con una rovesciata di Cavani al 15' che si insacca; ma l'arbitro annulla per fuorigioco. Poi comincia il Barcellona: al 20' Fabregas arriva a tu per tu con De Sanctis, ma sbaglia. Al 26' l'ex giocatore dell'Arsenal non sbaglia: cross di Adriano e tocco vincente a porta vuota. AL 31' tocca a Keita finalizzare un cross di Iniesta.
Nel secondo tempo entra Messi, ed inizia lo show. Una azione all'inizio del secondo tempo fa capire che aria tira: nel giro di un minuto, i pali della porta del Napoli tremano tre volte, due su tiri di Pedro e una su Cuenca. Al 20' la difesa del Napoli (che nel frattempo ha perso Britos per infortunio) va di nuovo in palla: punizione di Messi che centra ancora un palo, sulla ribattuta Pedro è il più veloce e centra il 3-0. Ancora al 25' parte Messi che scambia con Pedro e Xavi ed arriva in porta, facendo poker. Il suggello dell'argentino al 32', con un tiro di sinistro imparabile per il portiere napoletano.
Nel frattempo le tante sostituzioni fatte e il risultato tolgono volontà ed aggressività ai giocatori e quindi la partita si conclude così, con un Barcellona vincente e un Napoli che deve fare ancora qualche verifica, sia pure con tutte le attenuanti del caso, a cominciare dalla condizione fisica, lontana dal 100%

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©