Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Il BMW Motorrad GoldBet SBK Team è tornato a vincere


Il BMW Motorrad GoldBet SBK Team è tornato a vincere
13/05/2013, 16:05

Il BMW Motorrad GoldBet SBK Team è tornato a vincere. Il pilota ufficiale Marco Melandri (ITA) ha portato la BMW S 1000 RR alla vittoria nella prima delle 2 gare di oggi, qui a Monza. In Gara 2 Marco è stato di nuovo tra i protagonisti, finendo secondo e stabilendo anche il giro più veloce. Il compagno di squadra, Chaz Davies (GBR), ha finito quinto in Gara 1, ma purtroppo è caduto in Gara 2 quando era quinto. L’Autodromo Nazionale di Monza ha ospitato il quarto round del FIM World Superbike Championship 2013, al termine delle due gare nella Classifica Piloti Marco è salito al quarto posto con 96 punti. Chaz è quinto con 94 punti. Nella Classifica Costruttori BMW è in seconda posizione con 144 punti.

Gara 1, che sarà ricordata come la gara con la velocità media più alta nella storia del Campionato Mondiale Superbike, è stata emozionante dall’inizio alla fine. Marco, che partiva 5°, ha spinto sin dalla partenza prendendo la seconda posizione già al 2° giro. E ha combattuto fino alla fine una battaglia mozzafiato con Eugene Laverty (IRL), Sylvain Guintoli (FRA) e Tom Sykes (GBR). I quattro si sono scambiati continuamente le posizioni. All’11° giro Marco è passato in testa per poi scivolare al terzo posto al 15° giro. Il duello è poi continuato fino al suo culmine nell’ultimo giro. Marco riconquista il primo posto, lo perde poche curve dopo, ma non si arrende e, con un gran sorpasso, riprende la testa della gara a poche centinaia di metri dal traguardo conservandola fino alla bandiera a scacchi. Vincendo con un vantaggio di 0,085 secondi su Sykes e 0,107 secondi su Laverty. Chaz, partito 9°, ha guadagnato diverse posizioni nella prima parte di gara e, dopo un bel duello con Jonathan Rea (GBR) e Davide Giugliano (ITA), ha conquistato la 5° posizione che ha poi tenuto fino alla fine.

Gara 2 ha visto gli stessi quattro protagonisti, ma questa volta i quattro non si sono alternati nelle posizioni di testa così spesso, sembrava invece che aspettassero gli ultimi giri per far scattare la bagarre per la vittoria. Marco è stato in terza posizione per la maggior parte della gara, nel terzultimo giro ha cominciato a forzare sorpassando Guintoli per il secondo posto. Laverty invece ha mantenuto la posizione di testa, vincendo la gara con soli 0,143 secondi su Marco. Chaz ha avuto più difficoltà rispetto a Gara 1. Nei primi giri era arrivato al secondo posto, scivolando poi all’ottavo posto a causa di un lungo alla chicane. Il Gallese ha lottato risalendo fino al quinto posto ma, con la caduta al 12° giro, ha chiuso qualsiasi speranza di conquistare un nuovo risultato positivo.

Il BMW Motorrad GoldBet STK Team ha vissuto una giornata sfortunata. La gara della FIM Superstock 1000 CUP per entrambi i piloti, Sylvain Barrier (FRA) e Greg Guildenuys (RSA), si è conclusa con un incidente di gruppo alla prima variante. Entrambi i piloti sono stati traspostati al Centro Medico, mentre Sylvain è uscito fortunatamente indenne, Greg, per cui si sospettava una frattura alla gamba, ha riportato, dopo gli accertamenti medici, una slogatura all’anca. La “famiglia” BMW Motorrad GoldBet augura al pilota sudafricano una veloce guarigione.

 

Marco Melandri:

Risultato Gara 1: 1°/Giro più veloce Gara 1: 1:42.343 (al 2° giro)

Risultato Gara 2: 2°/ distanza dal 1° classificato: 0:00.143 / Giro più veloce Gara 2: 1:42.379 (al 18° giro)

“Una giornata incredibile per me. Finire primo e secondo a Monza è fantastico e mi fa sentire bene dopo le difficoltà che abbiamo avuto ad inizio stagione. Gara 1 è stata incredibile. Sapevo che il mio passo in gara era abbastanza buono, anche se avevamo faticato un po’ in qualifica. Quando siamo partiti, mi aspettavo che sarebbe stata dura fino all’ultima curva. Quando Eugene, all’ultimo giro, mi ha sorpassato, ho pensato che sarebbe stato impossibile ri-superarlo, perché era veloce in curva e stava scappando via. Nell’ultima curva invece ero abbastanza vicino, sapevo di averne un po’ di più, così l’ho sorpassato e, anche se ero un po’ lungo, ho tenuto aperto il gas e sono riuscito a tenere fino all’arrivo. Negli ultimi metri parlavo con la mia RR dicendole: vai, vai, vai!

A metà di Gara 2 ero un po’ più veloce dei due davanti, ma non aveva senso cercare di sorpassarli. Non appena Sylvain ha fatto un piccolo errore, l’ho sorpassato, e sono partito alla caccia di Eugene, che purtroppo era troppo lontano. Sono molto contento anche del secondo posto. Ora sono fiducioso perché il feeling con la mia moto è tornato. Posso frenare ed entrare nelle curve molto forte com’è il mio stile di guida. Sono certo che d’ora in poi possiamo lottare con i migliori in ogni gara. Voglio ringraziare la mia squadra, stanno lavorando sodo e sono certo che il mio campionato inizia ora. Voglio anche ringraziare tutti i miei fan che sono venuti qua oggi, è stato fantastico vederli sulle tribune”.

 

Chaz Davies:

Risultato Gara 1: 5°/ distanza dal 1° classificato: 0:07.629 / Giro più veloce Gara 1: 1:42.922 (al 7° giro)

Risultato Gara 2: DNF / Giro più veloce Gara 2: 1:42.504 (al 4° giro)

“Gara 1 è stata divertente ma non perfetta. È stato divertente confrontarmi con Jonathan e Davide, ma non ce ne era motivo. In questo modo il gruppo dei primi si è allontanato troppo velocemente e noi abbiamo perso tempo e, specialmente, la possibilità di andare in scia, importante perché consente di guadagnare decimi preziosi giro dopo giro. Avevo un buon passo e, a metà gara, ho cercato di chiudere il gap dai primi ma, oramai, non era più possibile raggiungerli. Sarei curioso di sapere come sarebbe andata la gara se fossi riuscito ad andare via con loro.

In Gara 2 ho, di nuovo, perso tempo con Davide. Si mi sono divertito di nuovo, ma mi è costato mezzo secondo a giro dal gruppo di testa. Pensavo di poter chiudere il gap e spingere per lottare per la vittoria, e non finire quinto. Purtroppo ho forzato troppo e ho perso il davanti. Ovviamente sono dispiaciuto per esser caduto, ma sono contento perché la moto sta migliorando e stiamo andando nella direzione giusta”.

 

Andrea Buzzoni (General Manager BMW Motorrad WSBK):

“Dopo un weekend abbastanza complicato ad Assen siamo arrivati a Monza con delle nuove idee per Marco che hanno dimostrato, sin dal venerdì, di funzionare bene. Grazie al lavoro del Race team e dell’R&D team Marco si è trovato a suo agio e, così, ha potuto esprimere tutto il suo talento. Marco, in entrambe le gare, è stato perfetto sia in termini di performance sia di gestione della gara. Siamo molto contenti che abbia finalmente ritrovato il feeling con la moto che gli consenta di esprimere il suo talento e di andare forte, come ha fatto qui a Monza. Ora dobbiamo mantenere lo stesso standard di performance nelle prossime gare, abbiamo molte idee e siamo quindi molto fiduciosi. Voglio inoltre ringraziare la sua squadra che sabato, in Superpole, in tempi ridottissimi è riuscita a mettere a posto la moto consentendo a Marco di partecipare alla sessione, bravi. Chaz, purtroppo, a causa del volo durante le prove del venerdì ha iniziato in ritardo il lavoro di definizione del setting. Set up che, in pratica, è stato definito dopo Gara 1. Chaz è giustamente conscio dei suoi mezzi e delle sue capacità e l’ha dimostrato in Gara 2 quando, cercando di portarsi con il gruppo dei primi per lottare per la vittoria, sfortunatamente è caduto. Bisogna premiare comunque la sua consapevolezza e l’impegno mostrato. In Gara 1 ha conquistato un 5° posto, molto importante ai fini della stagione. Il campionato è lungo e apertissimo, dobbiamo continuare a lavorare.

In Superstock un inizio drammatico, i nostri piloti, Sylvain e Greg, sono caduti durante il primo giro di gara. Sylvain sta bene mentre Greg, che  ha fatto un volo terribile, ha riportato, per fortuna, pochi danni fisici. L’esito della gara, per fortuna, non ci penalizza ulteriormente, ripartiamo con fiducia dalla prossima gara”.

 

Andrea Dosoli (Direttore Tecnico BMW Motorrad GoldBet SBK Team):

“Finalmente a Monza siamo stati ricompensati per il duro lavoro fatto con Marco. Abbiamo perso alcune gare per sfortuna e per piccole difficoltà tecniche. Tutti i ragazzi hanno lavorato molto e, a tutti, è stato subito chiaro, sin dalle prime prove libere, che Marco aveva ritrovato il feeling con la sua moto. È stato fantastico rivederlo sorridere. Oggi le due gare hanno confermato quello che abbiamo visto dal venerdì e ne siamo molto contenti. Ci dobbiamo congratulare con lui e la sua squadra per l’ottimo lavoro. Abbiamo mostrato quanto la nostra RR sia competitiva su questo circuito, anche con dei concorrenti molto forti. Per Chaz non è stato un weekend facile. È caduto venerdì ma ha continuato a lavorare con il suo team per migliorare il feeling con la moto. Con una posizione di partenza non ottimale ha cercato di fare il massimo, specialmente in Gara 2, dove a metà gara era davvero veloce. Poi, sfortunatamente, ha preso un dosso con l’anteriore e ha così perso la possibilità di lottare con il gruppo di testa. Ancora complimenti a tutti i ragazzi”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©