Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

UN'ORCHESTRA PERFETTA

Il campionato inizia adesso


Il campionato inizia adesso
20/09/2010, 09:09

"Un giorno sei scarso, quello dopo sei un campione." In una sola frase Gargano ha riassunto tutte le contraddizioni della Napoli calcistica dando anche uno schiaffo, simbolico, a quelli che giovedì hanno fischiato dopo il pareggio in Europa League e che alla fine della partita di ieri molto probabilmente avranno esaltato i giocatori azzurri. Che il Napoli, il vero Napoli, non potesse essere quello visto con l'Utrecht questo lo sapevamo (e lo speravamo) tutti. Certo una partita straordinaria non vuol dire che la squadra abbiamo risolto i suoi problemi, ma può essere un ottimo punto di partenza per un futuro roseo. Tutti i reparti hanno dato il massimo. In difesa Cannavaro ha confermato il suo buon momento e Grava e Campagnaro, almeno per una sera, sono tornati quelli dello scorso campionato. Stesso discorso per Gargano e Pazienza, motorini inesauribili che non si sono fermati un attimo facendo su e giù per il campo. Dossena è forse la più bella sorpresa di questo inizio di stagione. Il Napoli visto contro la Sampdoria ha tirato fuori carattere e polmoni. Corsa, esplosività e tanta voglia di far divertire sono sempre state le caratteristiche di questa squadra forse più bella fuori casa che tra le mura amiche dove molto probabilmente i giocatori, come dice sempre Mazzarri "ancora troppo giovani", non conoscono mezze misure: o si esaltano grazie allo straordinario pubblico del San Paolo, o non reggono la pressione di un pubblico così esigente. La squadra vista contro la Sampdoria ha divertito, ma soprattutto si è divertita. Non è un caso che il ritorno al bel gioco ed alla vittoria sia coinciso con il ritorno al sorriso di Ezequiel Lavezzi. Il Pocho è stato il migliore in campo: ha corso, fatto impazzire gli avversari e servito passaggi d'oro ai compagni, come quello del gol vittoria di Cavani, giocatore sempre più decisivo ma ieri un pò in ombra rispetto alle precedenti uscite. Un calo normale quello dell'uruguaino, compensato dalla grande partita del Pocho e di Hamsik, al suo primo gol in campionato. Un'orchestra perfetta dove nessuno ha stonato.
Mercoledì si rigioca, al San Paolo arriva il Chievo squadra da non sottovalutare e occasione giusta per dare un'altra opportunità ad alcuni giocatori che giovedì non hanno convinto. 
L'affermazione di Gargano deve ricordarci che è tanto facile quanto inutile e sbagliato criticare una squadra dopo solo 3 partite, ma anche che una rondine non fa primavera. Adesso è il momento di far svoltare la stagione, adesso comincia il vero campionato del Napoli.

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©