Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

L'ADDIO CONTESTATO

Il "Caso Quagliarella", una storia infinita


Il 'Caso Quagliarella', una storia infinita
19/01/2011, 19:01

Se ne discute da mesi, senza che per questo ci si stanchi di parlarne. Le polemiche legate al trasferimento di Fabio Quagliarella dal Napoli alla Juventus continuano a tenere banco un po’ ovunque. Nella città partenopea se ne parla per strada, nei bar, nelle scuole e negli uffici. Dai bambini agli anziani tutti si sono fatti un’opinione a riguardo.
Ad arricchire un romanzo già bello “corposo”, inoltre, ci ha pensato l’ex direttore sportivo del Palermo, Walter Sabatini che,  intervenendo in questi giorni nel corso di “Speciale Calciomercato” su Sportitalia, ha aggiunto, di suo pugno, un ulteriore capitolo all’appassionante storia.
“Con il Napoli - ha dichiarato Sabatini - si parlava da tempo di una trattativa per Cavani. Bigon mi propose uno scambio con Quagliarella".
Una notizia mica da ridere. L’attaccante stabiese, che è stato velocemente “processato” e poi tacciato di “alto tradimento”, adesso ha dalla sua un’ulteriore attenuante. Già, ulteriore. A Quagliarella, infatti, fu chiesto già una volta di andarsene. Il Rubin, squadra russa della città di Kazan, aveva chiesto notizie dell’attaccante l’anno scorso. Il Napoli era disposto a trattare. Così come era disposto a darlo al Palermo. Il giocatore stabiese, però, si oppose. Da Napoli a Kazan, è facile capirlo, non si sposterebbe nessuno.
In questi giorni, dunque, il “Caso Quagliarella” ha acquisito un elemento in più. Un importante tassello che va ad inserirsi in un mosaico che appare sempre più complesso. Un mosaico, c’è da scommetterci, che riserverà altre sorprese, prima che se ne possa apprezzare il completamento.

Commenta Stampa
di Pietroalessio di Majo
Riproduzione riservata ©

Correlati